Carta & Forbici 16: Cut and Play “Collection of free micro games (Saison 1)

Buongiorno – e buon anno – a tutti voi, carissimi lettori e lettrici di Giochetti e Sfizietti! Come sono andati questi primi giorni dell’anno nuovo? Spero bene! Anche Giochetti e Sfizietti si risveglia da questo “periodo festivo” e riprende la solita pubblicazione… E si ricomincia con “Carta & Forbici”, la rubrica che tratta esclusivamente di titoli Print & Play.

Ma voglio iniziare quest’anno nuovo con uno sguardo “verso il passato”, più precisamente all’anno appena concluso: verso la seconda metà del 2019, ho scoperto un nuovo autore di giochi, specializzato nella realizzazione di Print&Play. In particolare ho seguito – e partecipato – ad una sua campagna crowfunding, in cui era possibile avere le sue prime creazioni tutte comodamente a casa – con una pratica scatolina da montare – pagando solo i costi di spedizione.

1-min
Ecco che cosa mi ha portato il corriere…

Perciò, signore e signori, oggi vi presento la prima serie “Cut and Play 2019”, realizzata da Lèandre Proust,che contiene cinque mini-giochi (prodotti da Gennaio a Maggio 2019), la maggiorparte per due giocatori – dagli otto anni in su -, con alcuni titoli giocabili anche in solitario ed anche a tre giocatori… Questo articolo – rispetto ai precedenti – sarà leggermente diverso: tratterò in breve sia le regole, sia le indicazioni per poterlo “costruire”, dato che sono molto molto semplici.

Per chi fosse interessato ad uno o più di questi minigiochi, non si preoccupi che si sia perso la campagna crowfungind: troverà comunque tutto il materiale su tipeee.com – jpg che potrà scaricare – cercando il nome dell’autore (oppure, più comodamente, potete andare direttamente QUI).

1)  “Echek” (durata: 15 min, giocatori: 2, età 8+) – Febbraio 2019

2-min
Echek, una partita a scacchi “minimale”

Componenti: 12 tessere quadrate (6 bianchi e 6 neri), che rappresentato i pezzi degli scacchi (Pedone, Torre, Cavallo, Alfiere, Regina, Re).

Istruzioni per realizzarlo: basta stampare il file (a colori) su cartoncino spesso e ritagliare tutti i pezzi.

Sintesi del gioco: l’autore, in Echek, ha voluto riportare la stessa sensazione che si prova giocando a scacchi, riducendo il tutto in sole 12 tessere!

Regole in breve

Ogni giocatore riceve le sei tessere (bianche o nere). All’inizio della partita, i giocatori collocano le proprie tessere “Re” l’una di fronte all’altra, mentre le altre tessere vanno tenute in mano.

A partire dal giocatore “bianco” – come funziona per gli scacchi – il giocatore può svolgere solo una di queste azioni nel proprio turno:

  • mettere un pezzo in gioco: il giocatore sceglie una tessera che ha in mano e la mette in gioco; per farlo, deve piazzare la nuova tessera in modo che sia adiacente (ortogonalmente o diagonalmente) ad una propria tessera; ma non può essere adiacente ortogonalmente alla tessera “Re” avversario.
  • muovere un pezzo: il giocatore sceglie una tessera già in gioco e la muove, rispettando le regole di movimento del pezzo (ad esempio, il Re può muoversi di una casella in tutte le direzioni) e rimanendo sempre adiacente (anche diagonalmente) ad almeno un’altra tessera.

In entrambi i casi, non è possibile giocare/muovere tessere che superino il limite della scacchiera “immaginaria” di quattro caselle per quattro.

Inoltre, alcuni pezzi hanno dei poteri speciali, che si attivano quando giocate o a discrezione del giocatore: ad esempio, il Pedone una volta giocato può muoversi immediatamente.

La partita termina quando una tessera “Re” viene “circondata”, ovvero quando tutti i lati della tessera Re sono occupati o da altri pezzi (anche propri), oppure dal limite della scacchiera.

Piccole Impressioni: Anche se Echek ricorda molto Hive, l’autore ha implementato vari elementi dagli Scacchi, che si sentono e fanno apprezzare questo minigioco, specie agli amanti del genere.

2)  “Exo” (durata: 15 min, giocatori: 2-3, età 8+) – Marzo 2019

3-min
Exo, il gioco dallo spazio…

Componenti: 27 tessere pianeti, 3 tessere Galassia (Sole).

Istruzioni per realizzarlo: basta stampare il file (a colori) su cartoncino spesso e ritagliare tutti i pezzi.

Sintesi del gioco: in Exo, ogni giocatore sceglie e realizza la propria Galassia con vari pianeti, con lo scopo di guadagnare più punti.

Regole in breve

Ogni giocatore inizia con la propria tessera Galassia, mentre le tessere Pianeti vengono ammucchiate al centro, in modo che alcune tessere sovrastino le altre. Inizia il giocatore che ha visto il cielo per ultimo.

Partendo dal primo giocatore – e poi in senso orario – durante il proprio turno il giocatore deve scegliere una tessera Pianeta disponibile – cioè non coperta dalla altre – e la colloca adiacente ortogonalmente ad una tessera già in possesso (la prima tessera andrà collocata adiacente alla tessera Galassia). Si continua in questo modo finché tutti i giocatori abbiano pescato 13 Pianeti (in due giocatori) o 9 Pianeti (in tre giocatori): si procede quindi con il calcolo del punteggio.

Ogni giocatore totalizza un punto per ogni tris di Pianeti con una caratteristica comune: infatti ogni Pianeta ha un Colore (Rosso, Verde, Blu), una Grandezza (Piccolo, Medio o Grande) e una Tipologia (Tellurica, Gassoso, Pianeta con Anello). Valgono anche i tris in diagonale.

Il giocatore con più punti vince; in caso di pareggio vince chi ha più Pianeti adiacenti alla tessera Galassia.

Piccole Impressioni: Titolo molto simpatico, all’apparenza semplice ma non da sottovalutare; può non piacere come si fa il setup iniziale delle tessere Pianeta, perciò consiglio di creare tre pile di nove tessere (“alla Carcassonne, per intenderci), da cui poter scegliere.

3)  “YSNP” (durata: 15 min, giocatori: 1-2, età 8+) – Aprile 2019

4-min
YSNP, il tower defense di carta

Componenti: 6 gettoni Mostro (2 Lupi, 2 Scheletri, 2 Demoni), 1 Mostro Boss (Negromante), 9 gettoni Torre (3 Arcieri, 3 Guardie, 2 Maghi), una plancia Percorso.

Istruzioni per realizzarlo: basta stampare il file (a colori) su cartoncino spesso (in formato A5). Ritagliare le varie parti facendo molta attenzione, soprattutto alla plancia Percorso (che non ritagliata quadro per quadro).

Sintesi del gioco: in YSNP – che sta per “You Shall Not Pass” – il giocatore deve difendere il proprio villaggio dall’arrivo del Negromante e dei suoi seguaci.

Regole in breve

Prima di iniziare, il giocatore mette la plancia Percorso sul tavolo; poi mescola tutti i gettoni Mostro e li impila, mettendo in fondo il gettone Boss-Negromante; collocare questa pila all’inizio della plancia Percorso. Infine, il giocatore dispone i nove gettoni Torre accanto al percorso, scoperti e mettendoli in fila in base al tipo e seguendo l’ordine crescente di livello (da 1 a 3).

Ogni turno si divide in quattro fasi:

  • Schieramento mostri: in base al turno, i gettoni Mostri entrano nella Plancia Percorso (prima uno, poi due, poi tre ed infine il Negromante);
  • Costruzione/Miglioramento Torre: il giocatore può costruire una nuova Torre di livello 1, piazzandola in uno spazio intorno al Percorso (non sopra!); oppure può migliorare una Torre già piazzata, sostituendo il gettone vecchio con quelo del livello successivo.
  • Attivazione Torre: in qualsiasi ordine, ogni Torre in gioco attacca. Ogni Torre infligge danno ai Mostri pari al numero cerchiato (es: Arcieri lv 1= 1 danno); mentre il livello definisce quali caselle sono interessate (livello 1: solo caselle adiacenti ortogonalmente; livello 2: caselle adiacenti ortogonalmente e diagonalmente; livello 3: come il livello 2, ma con raggio di 2 caselle). Quando un mostro riceve danni pari alla sua Vita (numero in basso a destra), viene tolto dal gioco.
  • Movimento Mostri: il giocatore muove tutti i Mostri rimasti, a cominciare da quello più vicino al villaggio, di tanti passi pari al numero in basso a destra del mostro (più mostri possono stare in una stessa casella). Se un Mostro raggiunge il Villaggio, il giocatore rimuove una propria Torre ed anche il Mostro.

Sia le Torri che alcuni Mostri hanno delle abilità speciali: ad esempio il Necromante, quando si è mosso, evoca due Mostri (uno nella casella precedente ed una in quella seguente); oppure quando la Torre delle Guardie attacca, infligge danno anche ai Mostri adiacenti al loro Bersaglio.

Il giocatore vince se sconfigge il Necromante e tutti i Mostri; invece perde se il Necromante arriva nel Villaggio oppure se termina tutte le proprie Torri (e non può svolgere la seconda fase).

Piccole Impressioni:  Un simpatico Dice Tower in formato mini, forse un po’ troppo semplice da battere, ma piacevole. E se qualcuno volesse, si potrebbero inventare nuovi mostri, nuovi percorsi o homerules.

4)  “Ants” (durata: 10 min, giocatori: 2, età 8+) – Maggio 2019

5-min
Ants, il gioco sulla conquista delle formiche

Componenti: 18 tessere esagonali, 1 tessera d’Inizio

Istruzioni per realizzarlo: basta stampare il file (a colori) su cartoncino spesso. Ritagliare con attenzione le tessere esagonali, senza dividere a metà la tessera d’Inizio (quella con due esagoni giallo paglierino).

Sintesi del gioco: in Ants, ogni giocatore deve conquistare più formiche possibili grazie al proprio feromone (il proprio colore), giocando le tessere a propria disposizione.

Regole in breve

Ogni giocatore sceglie un colore (beige o nero) e si colloca la tessera d’Inizio al centro del tavolo. Si mescolano tutte le tessere esagonali; quindi ogni giocatore pesca una tessera e la pone di fronte a se, scoperta. Inizia il giocatore più giovane.

I giocatori si alternano nei turni successivi: durante il proprio turno, il giocatore pesca una tessera dalla pila; dopodiché sceglie se giocare la tessera appena pescata oppure quella che già possedeva. Giocare la tessera significa piazzarla nel Piano di Gioco – dove è la Tessera d’Inizio – in modo che almeno due lati siano connessi con altre Tessere in gioco. Tuttavia, è possibile giocare le tessere al di sopra di quelle già in gioco: in questo caso non bisogna rispettare la regola di “almeno due lati con altre Tessere”, ma tale tessera deve essere giocata in modo che copra completamente i Cerchi Neri (che si formeranno con l’insieme degli angoli delle Tessere).

La partita termina quando termina la Pila delle Tessere: ogni giocatore controlla l’area del proprio colore che contiene più formiche; chi tra i due giocatori ha più formiche è il vincitore!

Piccole Impressioni:  Classico piazzamento tessere, da non sottovalutare. Non mi convincono le regole sul piazzamento delle tessere; perchè potrebbero creare delle spiacevoli situazioni; ma l’ho giocato pochissimo, quindi potrei sbagliarmi.

5)  “Supéro” (durata: 15 min, giocatori: 2, età 10+) – Giugno 2019

6-min
Supèro, quale squadra di Supereroi vincerà?

Componenti: 16 pedine Supereroi, una griglia di gioco (5×5).

Istruzioni per realizzarlo: stampare il file (a colori) su cartoncino spesso (in formato A5). Ritagliate il campo di gioco per intero (non serve che lo dividiate in quattro parti: ciò serve solo a chi ha partecipato al kickstarter, per far entrare l’intera plancia nella scatolina) ed i vari pezzi. Piegate ogni pedina in modo che resti in piedi e, se volete, potete unire le due basi ed incollarle (ma occuperanno più spazio in questo modo).

Sintesi del gioco: una sfida tra due squadre di supereroi, pronti a proteggere il Super-Weak (Super-Debole), a colpi di poteri speciali e bluff…

Regole in breve

Si dispone la griglia di gioco sul tavolo, tra i due giocatori. Ogni giocatore riceve un set completo di 8 pedine Eroi: tra questi Eroi, il giocatore ne deve scegliere 5 tra cui deve includere il proprio “Super-Weak” (diventerà la Squadra Principale) e disporli sulla propria linea di partenza della griglia di gioco; mentre i tre rimanenti li dispone di fronte a sè, a formare la “Squadra di Riserva”). In ogni caso, le pedine di queste due Squadre devono essere rivolte in modo che il giocatore riesca a vedere l’identità degli Eroi; mentre l’avversario non saprà quali sono gli eroi dell’altro.

I giocatori si alternano nei turni di gioco; durante il proprio turno, il giocatore può fare una di queste due azioni:

  • Giocare un Eroe: questa azione permette sia di Muovere l’Eroe, sia di utilizzare il suo Potere (è possibile anche fare entrambe);
  • Muovere l’Eroe: ogni Eroe si può muovere di una casella adiacente ortogonalmente; non può fermarsi sulla casella in cui c’è un suo alleato, ma può invece andare su una casella occupata da un Eroe avversario: se lo fa, quest’ultimo viene “catturato” e finisce nella pila degli Scarti e l’avversario dovrà mostrare l’identità di tale Eroe catturato.
  • Attivare potere: alcuni Eroi hanno dei poteri che possono essere attivati (che permettono di muoversi di un’altra casella, conoscere l’identità degli Eroi avversari, etc…). Il giocatore, quindi, dichiara quale pedina usa ed il Potere che intende usare (ma può anche bluffare), mentre l’avversario può mettere in dubbio tale dichiarazione: se non lo fa, il giocatore usa il potere dichiarato.
  • Se l’avversario dice “Dubito”: il giocatore rivela la propria pedina e se l’Eroe corrisponde al Potere che ha dichiarato, il giocatore svolge il potere (mentre l’avversario scarta un Eroe della Squadra di Riserva e lo scopre); in caso contrario non può svolgere il potere ed il suo turno termina, dopo aver scartato un proprio Eroe della Squadra di Riserva e lo scopre.
  • Scambiare Eroi: il giocatore può scegliere due Eroi – della Squadra Principale e/o di Riserva – e scambiarne la posizione; tale azione va fatta sotto il tavolo, cosi che l’avversario non capisca come è stato fatto lo scambio.

La partita termina non appena accade una di queste situazioni:

  • Il giocatore di turno vince se cattura il Super-Weak avversario oppure se quest’ultimo è l’ultimo Eroe dell’avversario della Squadra Principale;
  • Il giocatore perde non appena non ha più Eroi nella propria Squadra di Riserva;
  • Il giocatore vince se il suo Super-Weak raggiunge la linea di partenza dell’avversario.

Piccole Impressioni:  Supéro è il più complesso di questa stagione: molti elementi ricordano il gioco di carte Masquerade, ma l’aggiunta della plancia e del tema rendono il gioco molto stimolante.

Che cosa ne penso io?

Tutto sommato, sono abbastanza soddisfatto di questo autore e dei suoi minigiochi: certo, non possono essere definiti dei grandi “capolavori” e spesso si rifanno a titoli più conosciuti e solidi – rispetto anche ad altri Print & Play provati – ma sono veloci da imparare e abbastanza godibili da giocare. Voglio farvi notare che i titoli presentati sono solo i primi di Leandre Proust: ho dato uno sguardo ai minigiochi usciti nei mesi successivi –se siete curiosi, li trovate sempre qui – e vi posso anticipare che sono più elaborati ed originali. Chissà se uscirà la seconda stagione: staremo a vedere…

7-min
Sul retro dei giochi, ci sono tutti i nomi di chi ha partecipato al kickstarter… e ci sono anche io!

Tornando invece su questa stagione, ho apprezzato davvero la presenza di una scatolina – disponibile solo per chi ha partecipato al crowfunding – che possa contenere tutti i componenti (anche se ho dovuto piegare la tessera Percorso di YSNP). Infatti, grazie a questa scatolina, posso portare con me non uno ma ben cinque giochi, titoli che si prestano a molte occasioni: ad esempio, possono essere un ottimo intrattenimento per i vostri figli o bambini in genere, oppure un piccolo antipasto per i più grandi.

8-min
La “Cut and Play: Saison 1” è completa, con tanto di scatolina!

E con queste ultime parole, termina questo primo articolo del nuovo anno. Voglio ringraziare voi, cari lettori di questo piccolo blog, per tutto il supporto e l’affetto che ci date; ma ho un annuncio un po’ “doloroso” da farvi: vi avviso che – per ragioni lavorative – Giochetti e Sfizietti avrà un’uscita bisettimanale (e non settimanale); spero con tutto il cuore di ritornare, al più presto, alla cadenza settimanale; quindi non preoccupatevi! Perciò, ci rivediamo tra due settimane, con un nuovo articolo… Alla prossima!

Tricks & Whims 15: Two Rooms and a Boom

Cari lettori di Giochetti e Sfizietti, bentornati su Tricks & Whims, dove mi “ingegno” a tradurre i regolamenti di alcuni giochi da tavolo – esclusivamente per voi – poiché non sono stati tradotti. Ho voluto concludere quest’anno con un piccolo “regalo personale”, che ad alcuni di voi potrebbe fare molto piacere…

Da poco ho scoperto – e sono riuscito a giocare – ad un party game sulla stessa lunghezza d’onda di One Night Ultimate Werewolf e simili: si tratta di Two Rooms and a Boom, il gioco a ruoli nascosti di Alan Gerding e Sean McCoy in cui bisogna salvare – o tentare di far esplodere – il Presidente per poter vincere… restando però in due stanze separate!

Questo gioco ha avuto un grande successo: prima in P&P, successivamente è stato pubblicato tramite kickstarter ed attualmente è di difficile reperimento, perché fuori produzione da diverso tempo! Nell’attesa che riesca a trovare una copia originale di questo gioco – se per caso sapete dove trovarlo, fatemi sapere ! – ho avuto modo di tradurre in italiano il suo regolamento!

Attualmente, sono riuscito a tradurre solo le “Regole Base” di Two Rooms ad a Boom (o 2R1B): qui potete, tranquillamente, scaricare il file tradotto (in particolare è la traduzione della versione 4.0, che potete trovare anche su BGG). In futuro, invece, mi occuperò mi anche delle “Regole avanzate” e della “Guida ai personaggi”; così avrete modo di giocare a 2R1B in tutta la sua “bellezza!…

 

pic1818526_md
Two Rooms and a Boom, il gioco a cui ho dedicato questa traduzione…

NOTA: Queste traduzioni sono “amatoriali” e “non ufficiali”. Se per caso trovate qualche errore di traduzione oppure conoscete giochi che non sono mai stati tradotti (anche non ufficialmente), non esitate a riferircelo all’indirizzo e-mail: giochettiesfizietti@gmail.com.

Cari lettori, anche Giochetti e Sfizietti va sulla montagna, a godersi delle meritate vacanze natalizie! Ci rivediamo l’anno prossimo – il terzo mercoledì del mese – e ne approfitto per dirvi “Buon Natale e Felice Anno Nuovo!”.

Semper Filleris 54: Goryo

GORYO
Autore Andrea Candiani
Prodotto da GateonGames
Tipologia asimmetrico, deduzione
N° giocatori 2
Età 10+
Durata  20-30 min
Dipendenza lingua A A A (bassa)
Rigiocabilità A A A  (media)
Difficoltà A A A  (media)

Cari lettori e lettrici, bentornati su Giochetti e Sfizietti, è più precisamente su “Semper Filleris”, dove in ogni articolo recensisco solamente titoli filler, ovvero giochi brevi nella durata, ma corposi nella sostanza…

Da ormai un po’ di tempo, ho iniziato a seguire un canale Youtube che si occupa di giochi da tavolo: sto parlando dei “Gioca Giullari“, gestito dai simpaticissimi Alberto e Valentina –  che offre ai propri utenti non solo breve recensioni e anteprime sui titoli appena usciti, ma vere partite complete. Conosciuti grazie ad una partita live di “Welcome to… your perfect home”, grazie a loro ho avuto modo di conoscere diversi titoli accattivanti, molto spesso filler.

Il titolo di oggi è il primo acquisto grazie al loro canale ed ai loro consigli: signore e signori, ecco a voi Goryo, titolo per due giocatori di Andrea Candiani, edito da Gateon Games.

1-min
Goryo, il titolo di oggi

Aprendo Goryo, troviamo un bel po’ di componenti: un tabellone di gioco, due plance per ciascun ruolo (una per il Goryo e una per il Samurai), uno schermo Goryo, un pennarello per lavagnetta, 40 tessere quadrate (32 tessere stanza e 8 oggetto), 5 gemme bianche, 12 gettoni in cartoncino (1 Marchio del Goryo, 3 segnalini spirito e 8 oggetto), 5 pedine in legno (un Goryo e quattro Samurai), 13 segnalini indizio (7verdi e 6 rossi), 13 cubetti (4 bianchi, 6 neri, 1 viola, 1 verde e 1 grigio), un sacchetto ed un regolamento in tre lingue, italiano, inglese e francese.

2-min
Ecco cosa contiene la scatola di Goryo…

Siamo nel Castello di Edo, che custodisce non solo dei preziosi manufatti, ma anche una leggenda. Infatti si narra che nel castello alloggiava Yoruichi Feliwara, fanciulla così bella e seducente che i nobili venivano da ogni dove per corteggiarla e per farle dei costosissimi regali. Questo finché non cominciarono a circolare strane voci sul suo conto, forse proprio dallo Shogun stesso: la donna fu cacciata dal casello e morì in esilio, circondata dai suoi gatti. Ma la sua anima non trovò la pace eterna e si trasformò in un Goryo, uno spirito dalle sembianze di gatto, che ritornò al palazzo, pronto a vendicarsi di chi ha osato parlare male di lei!

Quindi, un giocatore interpreterà questo malefico spiritello che andrà in giro a rompere preziosi cimeli, mentre l’altro guiderà un gruppo di quattro Samurai, con lo scopo di catturare e calmare questa anima irrequieta.

3-min
Lo schermo del Goryo

Vista la mole di componenti, il setup non è immediato, soprattutto perché ogni ruolo nel gioco deve sistemare i propri componenti:

  1. Posizionate il tabellone di gioco al centro;
  2. Seguendo la disposizione sulla plancia del Goryo, collocate le tessere stanza nei riquadri sul tabellone, sul lato dell’oggetto integro;
  3. collocate le otto tessere oggetto negli spazi su un lato del tabellone, con il bordo scuro e l’oggetto integro verso l’alto; quindi collocate quattro pietre bianche sulle caselle-pietra, sempre sul tabellone;
  4. mettete tutti i gettoni oggetti dentro il Sacchetto e scegliete chi farà Goryo e chi farà i Samurai;
  5. Il giocatore Goryo deve prendere il proprio schermo e vi nasconde dietro la plancia Goryo – che deve essere orientata come il tabellone – il pennarello e tutti i cubetti (esclusi quelli neri);
  6. Successivamente, il giocatore Goryo pesca un gettone oggetto dal sacchetto, lo guarda, lo nasconde dietro lo schermo e lo ricopre con il simbolo Goryo, ad indicare che quello è il suo “oggetto vincolato” (spiegato più avanti);
  7. Infine, il giocatore Goryo pesca un altro gettone oggetto e lo mostra; quindi sceglie una qualsiasi tessera stanza con lo stesso oggetto: in questo modo, Goryo rompe il suo primo oggetto – e vi piazza una gemma bianca sopra – e si posiziona il proprio segnalino Goryo sulla stessa tessera; menrte sulla propria plancia Goryo, il giocatore deve segnare l’oggetto appena rotto con una X;
  8. il giocatore Samurai, invece, riceve la plancia dei Samurai, i segnalini indizio (verdi e rossi), i tre segnalini Indizio e i cubetti neri;
  9. Successivamente, il giocatore Samurai colloca le quattro pedine Samurai sulla casella centrale di ogni stanza e posiziona un segnalino indizio verde sul primo spazio del tracciato circolare ed i tre segnalini indizio sulla propria plancia (con il lato Goryo coperto).
4-min
Setup appena completato

Una partita può durare – al massimo – cinque round, in cui i due giocatori si alternano ed agiscono in turni diversi. In particolare, ogni round si divide in Fase del Goryo (in cui il Goryo pianifica il suo movimento e rompe un oggetto), Fase dei Samurai (in cui il giocatore fa agire i propri Samurai per inseguire lo spirito), e Fase della Rivelazione (in cui viene rivelato il percorso e la posizione del Goryo, guadagnando eventuali vantaggi).

Fase del Goryo

In questa fase, il giocatore Goryo pianifica il suo percorso, grazie ai cubetti Movimento: partendo dalla sua casella iniziale – su cui mette un cubetto bianco – colloca tutti i suoi cubetti bianchi – sulla propria plancia Goryo – per indicare il proprio spostamento. Ogni cubetto bianco deve essere posizionato in una posizione ortogonalmente adiacente a quello precedente e non è possibile posizionare cubetti in uno spazio occupato da un altro cubetto.

Una volta che ha posizionato tutti i propri cubetti bianchi, può piazzare quello viola – sempre adiacente ortogonalmente sull’ultimo cubetto bianco piazzato – ad indicare quale cimelio ha intenzione di “rompere” alla fine del round. Non può rompere – e quindi terminare il proprio movimento – un oggetto già rotto, il suo oggetto “vincolato” o un oggetto “sigillato” (vedi dopo).

5-min
Il Giocatore Goryo si muove dalla casella di partenza fino alla casella nell’altra stanza, dove c’è la Maschera.

In questa fase, inoltre, il giocatore Goryo ha a disposizione due poteri speciali, utilizzabili solo una volta durante la partita:

  • Falsa pista (cubetto verde): questo cubetto può essere posizionato su un qualsiasi spazio non occupato da cubetti bianchi e non deve rispettare le regole di posizionamento dei cubetti Movimento. Se il giocatore Samurai indaga sulla casella che contiene questo cubetto (vedi dopo), il giocatore Goryo gli conferma di esserci passato sopra; ma nella fase di Rivelazione non darà nessun bonus al giocatore Samurai (spiegato più avanti). Il cubetto verde viene scartato solo se il Samurai ha indagato su di esso.
  • Balzo (cubetto grigio): vale come cubetto Movimento addizionale, seguendo le stesse regole di posizionamento dei cubetti Movimento. Una volta utilizzato, tale cubetto deve essere scartato.
6-min
Goryo ha utilizzato sia il cubetto Balzo (per fare un passi in più) e il cubetto Falsa Pista.

Fase dei Samurai

Quando il giocatore Goryo ha pianificato il proprio movimento, tocca al suo avversario controllare i Samurai: in particolare, il giocatore può scegliere al massimo tre dei suoi Samurai, a cui far compiere un massimo di due azioni. Per ogni azione spesa, il giocatore deve collocare un proprio cubetto nero sulla propria plancia, in corrispondenza dell’azione svolta e del Samurai usato. Il giocatore deve risolvere completamente le azioni con un Samurai, prima di poter scegliere il prossimo Samurai da far agire. Le azioni disponibili sono:

  • Passo: la pedina Samurai si muove di una casella adiacente ortogonalmente; si può utilizzare questa azione fino a due volte per Samurai (spendendo due Azioni);
  • Ricerca: il Samurai “investiga” nella casella in cui si trova;
  • Segugio: il Samurai “investiga” in una casella adiacente ortogonalmente rispetto a cui si trova.

NB: non è possibile “investigare” sulla casella di partenza del Goryo, né “investigare” due o più volte su una stessa casella.

7-min
Il giocatore Samurai decide di fare l’azione Passo due volte con il Samurai rosso.

Ogni volta che un Samurai “investiga” su una casella, il giocatore chiede se il Goryo è passato su quella casella nel turno corrente: se ciò è avvenuto, il giocatore Samurai colloca un segnalino verde sulla casella investigata; in caso contrario posiziona un segnalino rosso sulla stessa. “Investigare” serve al giocatore Samurai per poter “esorcizzare” gli oggetti nella fase di Rivelazione.

8-min
Il Samurai verde decide di fare prima l’azione Ricerca e poi l’azione Segugio, riuscendo ad indovinare un passaggio su una casella stanza.

Fase della Rivelazione

Quando il giocatore Samurai ha terminato le azioni a sua disposizione, il giocatore Goryo mostra all’altro la propria plancia – togliendo il proprio schermo – per far vedere come si è mosso e quale oggetto ha rotto.

A questo punto, entrambi i giocatori controllano se tutti gli segnalini indizio sono corretti: se il Goryo non ha fatto errori nel dichiarare dove è passato non accade nulla; in caso contrario, se il Goryo ha sbagliato nel posizionare i cubetti oppure nel rispondere alle investigazioni, il Samurai guadagna tanti segnalini spirito – girandoli sul lato Goryo (da sinistra a destra) – quanti “errori” compiuti dal Goryo.

Una volta confermato tutto, il giocatore Samurai recupera tutti i suoi segnalini indizio e fa avanzare il segnalino verde sul percorso circolare di tanti passi quanti sono i segnalini che è riuscito a guadagnare nel turno (escluso il segnalino verde apparso grazie ad una Falsa Pista del Goryo). Inoltre, per ogni Samurai sulla stessa casella di arrivo del Goryo, tale giocatore guadagna un segnalino spirito, girandolo sempre sul lato Goryo (da sinistra a destra).

9-min
In questo caso, il giocatore rimuove i due segnalini indizio e fa avanzare la pedina verde di due passi.

Fatto ciò, il giocatore Goryo prende la pietra bianca sulla casella del round in corso e la colloca sulla tessera stanza in cui aveva il cubetto viola Bersaglio, ad indicare il nuovo oggetto rotto, e vi colloca sopra la propria pedina; mentre sulla propria plancia il giocatore dovrà contrassegnare tale casella con una X. Inoltre, se l’oggetto appena rotto è il primo esemplare di quella tipologia, il giocatore gira la tessera Oggetto dal lato scuro (integro) al lato chiaro (rotto).

10-min
Il giocatore Goryo rompe il secondo oggetto

Se il giocatore Samurai – nel turno corrente – ha raggiunto uno o più simboli sacchetto sul proprio tracciato circolare, quest’ultimo può pescare tanti gettoni Oggetto dal sacchetto quanti sono i simboli guadagnati nel turno. Ogni gettone pescato in questo modo deve essere rivelato: d’ora in poi, quella tipologia di oggetto non potrà più essere rotta dal Goryo (infatti l’oggetto è “sigillato”). Per evitare che i giocatori dimentichino tale informazione, il giocatore Goryo contrassegna con una O tutte le caselle che corrispondono all’oggetto sigillato; mentre il giocatore Samurai gira ogni tessera dell’Oggetto appena sigillato sull’altro lato (dove il disegno mostrerà appunto un sigillo).

11-min
Il giocatore Samurai ha pescato il gettone Secchio, quindi il Goryo segna con un cerchio ogni casella uguale sulla propria plancia.

Fatto ciò, ogni giocatore rimuove i propri componenti – Goryo recupera i suoi cubetti e il Samurai i propri indicatori delle azioni – per iniziare un nuovo round di gioco, non prima di riposizionare lo schermo di fronte alla plancia del Goryo.

La partita termina immediatamente non appena si verificano una di queste condizioni:

  1. se il Goryo non riesce a posizionare il cubetto Bersaglio (perché circondato da oggetti sigillati): vince il giocatore Samurai;
  2. se il Goryo rompe – per sbaglio – il suo oggetto “vincolato”: vince il giocatore Samurai;
  3. se il Samurai gira tutti e tre i segnalini spirito sulla propria plancia: vince il giocatore Samurai;
  4. non appena tutte le tessere oggetto – ad eccezione di una – sono girate sul lato chiaro: vince il giocatore Samurai;
  5. Se il Goryo riesce a rompere il quinto ed ultimo oggetto ed a sopravvivere nell’ultima fase di Rivelazione (senza fare errori): vince il giocatore Goryo.
12-min
Lo spiritello ha distrutto il suo ultimo oggetto, vincendo!

Che cosa ne penso io?

Ultimamente è diventata quasi una moda realizzare titoli “asimmetrici”, così come più spesso nascono titoli per due giocatori: Goryo è una perfetta sintesi di questi due elementi, un gioco elegante e ben bilanciato – mi ha ricordato molto Mr Jack Pocket – che unisce capacità logiche e deduttive. Ottimi anche i componenti e l’artwork, anche se non mi aspettavo una scatola “così” grande, per essere un titolo per due giocatori.

13-min
La scatola di Goryo ha la stessa grandezza di quella di Sheriff of Nottingham…

Come hanno fatto già i Gioca Giullari, voglio darvi un grande avvertimento: durante le prime partite, il gioco potrebbe sembrare troppo sbilanciato, in favore del giocatore che gioca il ruolo dello spirito. Questo perché giocare (e vincere) come Goryo è più semplice ed immediato da apprendere, mentre per essere un buon Samurai bisogna saper prevedere le mosse dell’avversario, qualità che si riesce a guadagnare solamente dopo alcune partite. Perciò, il consiglio che voglio darvi è non fermarvi alla prima partita – in realtà neanche alla seconda o alla terza – ma provare a sperimentare più strategie possibili: anche io ho avuto molto difficoltà a vincere da Samurai, ma alla fine ci sono riuscito!

14-min
Goryo vs Samurai: chi vincerà?

Data la natura di questo titolo, consiglio Goryo a quelle coppie amanti dei giochi da tavolo (e non semplici casual gamers): prima una bella cena romantica – solo per due – seguita da una partita che non vi occuperà tutta la serata… anche se – purtroppo devo avvisarvi – con Goryo “una partita tira l’altra”; sia perché vorrete provare a giocare nell’altro ruolo, sia perché volete essere i primi a vincere su questo spiritello pestifero.

Anche io ed il mio compagno siamo caduti in questa “trappola”: in seguito ad una discussione su Pulsar, da poco abbiamo iniziato a segnare – grazie ad un’applicazione – tutti i giochi che facciamo (con i relativi punteggi) ed attualmente Goryo è il titolo che abbiamo giocato di più… e nel giro di due sere consecutive!

15-min
Il totale delle partite fatte… e la parte blu scuro corrisponde alle partite a Goryo!

Credo di avervi parlato abbastanza di questo titolo: voglio ringraziare personalmente i Gioca Giullari ed il loro canale Youtube per avermi fatto conoscere questo piccolo tesoro, oltre ad avermi fatto riavvicinare ai titoli per solo due giocatori! Ma ringrazio anche a voi, cari lettori e lettrici di Giochetti e Sfizietti, per il vostro supporto: continuate a sostenere sia questo blog, sia le relative pagine Facebook e Instagram. Detto ciò, non resta che salutarci e dire “Buona giornata, buon gioco e Semper Filleris”.

Giochi… a tavola 13: Deathnote/Torta di Mele

Cari lettori di Giochetti e Sfizietti, l’articolo di oggi non lo troverete qui: come saprete, da tempo collaboro con Houseofgames.it, grazie alla personale rubrica “Giochi… a tavola”, dove non solo mi metto al tavolo, ma mi metto anche ai fornelli solo per voi! Come trovare questa nuova uscita? Basta cercarlo sulla pagina di Houseofgames, oppure direttamente QUI.

15-min.jpg
Il gioco e la ricetta di oggi

Continuate a sostenere sia la pagina di Housegames – che si occupa non solo di boardgames – sia questo mio piccolo blog, che possiede anche la pagina Facebook ed il suo profilo Instagram! Detto questo, non resta che salutarvi: ci rivediamo la prossima settimana, sempre qui, con un altro articolo…”Bon jueu e bon appetit!”

Carta & Forbici 15: Colf Express

Cari lettori e lettrici, bentornati su Giochetti e Sfizietti! Oggi tocca a Carta e Forbici, la rubrica che si occupa di giochi da tavolo che non serve comprare, ma che gli autori offrono gratuitamente, con tanto di regolamento e materiali di gioco (basta che poi ce li costruiamo da noi).

Prendiamoci un po’ di distanza dai titoli Roll&Write – giochi molto in voga ultimamente – e dedichiamo questo spazio ad un gioco con titolo davvero inusuale: a detta dell’autore, questo titolo nasce grazie ad un lettura “errata” di un famoso gioco da tavolo, vincitore dello Spiel des Jahres di qualche anni fa…

Senza farvi attendere oltre, vi faccio le presentazioni: signore e signori, ecco a voi Colf Express, il gioco di Simone Guastella per 4-8 giocatori. Questo gioco ha anche un sito apposito – www.colfexpress.flazio.com – dove potete trovare i materiali da stampare ed anche un videotutorial in cui viene spiegato!

1
Colf Express, il P&P di questo articolo

Una volta scaricati i materiali, ecco alcuni consigli su come “montarlo”:

  1. stampare e ritagliare la prima pagina del file – che contiene la plancia, il segnalino Vecchio, il gettone Famiglia e le facce del dado – su cartoncino non molto spesso (almeno 200 gr);
  2. oltre ciò, incollate le sei facce su un dado (16 mm) ed incollate la base della pedina Vecchio, in modo che resti in piedi, oppure ignorate quest’ultimo passaggio ed utilizzare un meeple o un’altra pedina;
  3. stampate invece il resto delle pagine – che contiene le carte Valigia e le carte Richiesta – sempre a colori e con una grammatura superiore (almeno 300 gr);
  4. ritagliate con cura tutte le carte e – se volete – compilate le carte Valigia e Richiesta vuote (anche se vi consiglio di farlo dopo almeno la prima partita, per capire il senso del gioco);
  5. non esiste un file con il regolamento, ma Colf Express è davvero semplice da imparare, quindi non trovo necessario stamparlo (ma se lo volete, potete fare un copia ed incolla dal regolamento che trovate sul sito).
20191120_101601-min
Ecco Colf Express, dopo averlo montato

In Colf Express, ogni giocatore veste i ruoli di una badante proveniente dall’Est Europa, pronta a tutto per essere assunta da una Famiglia, che non può essere una “vera” famiglia se non c’è un Vecchio Rimbambito da far accudire. Ma quest’ultimo non può vivere in eterno: perciò ogni badante dovrà scontrarsi con le sue colleghe-avversarie per poter soddisfare più Richieste possibili – prima che il Vecchio Rimbambito tiri le cuoia! – così da diventare la badante più richiesta!

Iniziare una partita a Colf Express è davvero semplice:

  • Disponete la plancia “Vita” al centro del tavolo e collocate la pedina “Vecchio” sul tracciato, alla casella pillola cerchiata (la n°8);
  • Dividete – in base al retro – le carte in due mazzi, quello delle Carta Valigia (sfondo bianco) e quello delle Carte Annuncio (sfondo giallo) e disponeteli al centro del tavolo, accanto alla plancia Vita;
  • ogni giocatore prende 7 carte Valigia e le guarda in segreto;
  • sorteggiate il primo giocatore – magari quello che ha cambiato più badanti – e date a lui il segnalino Famiglia.
20191120_101821-min
Setup per una partita di quattro giocatori

Una partita a Colf Express si svolge in vari round di gioco – di numero indefinito – dove il primo giocatore prende il ruolo della Famiglia che cerca di assumere la migliore badante a seconda della richiesta. Infatti, il giocatore Famiglia deve pescare la prima carta dal mazzo Annunci e la deve leggere ad alta voce: quella sarà la condizione che dovranno soddisfare le badanti (tutti gli altri giocatori) per essere assunte. Le Carte Annuncio possono contenere richieste piuttosto comuni – come saper cucinare o fare un massaggio cardiaco – ma a volte saranno piuttosto “insolite”, come saper dare lezioni di zumba!

20191120_102006-min
Il giocatore Famiglia pesca una carta Annuncio: “La Candidata deve saper sparare (non si sa mai)”…

Una volta rivelata l’Annuncio, ogni giocatore sceglie una carta Valigia tra quelle che possiede in mano e la mette di fronte a sé : le carte Valigia rappresentano degli oggetti – comuni o insoliti anche questi – che ogni buona badante dovrebbe avere nella propria valigetta da lavoro per affrontare qualsiasi richiesta; perciò la carta che sceglierà (che sarà coperta) dovrebbe aiutare il giocatore nel soddisfare la Carta Annuncio appena rivelata.

Quando tutti avranno scelto la loro carta, ogni giocatore deve consegnare – sempre dalla propria mano – una carta Valigia al giocatore alla sua destra E un’altra carta Valigia al giocatore alla sua sinistra (per un totale di due carte), disponendole accanto alla carta scelta precedentemente da quel giocatore, sempre coperte. In questo modo, ogni badante  avrà due carte in più che – per senso strategico – dovrebbero essere giocate per mettere in difficoltà la badante che le riceverà.

20191120_102132-min
Quindi, ogni giocatore avrà tre carte di fronte, una che ha scelto lui e due scelte dai suoi avversari.

Quando tutti i giocatori avranno tre carte di fronte a se, il giocatore a sinistra della Famiglia gira le tre carte Valigia coperte e le legge ad alta voce. Dopo avergli concesso qualche secondo per riflettere, la badante dovrà inventarsi un modo per soddisfare la richiesta della Carta Annuncio utilizzando le tre carte Valigia di fronte a sè, cercando di essere sia plausibile, ma anche divertente. Una volta terminato di parlare, la partita riprende dal giocatore a sinistra della badante di turno.

Quando tutte le badanti hanno avuto il loro turno, il giocatore Famiglia dovrà scegliere la badante che ha soddisfatto la carta Annuncio nel modo migliore: la badante vincitrice riceverà tale carta Annuncio e la porrà scoperta di fronte a sè, a segnare che ha guadagnato un punto.

20191120_103026-min
“Allora, signora, io so fare dell’ottimo sushi di carote: è una ricetta che mi ha insegnato mia nonna che ha sempre un grembiule unito di grasso di porco – perché cucina sempre – inoltre so anche farle presentare il piatto con dei fiori finti appassiti, come se lei fosse in un vero ristorante giapponese…”

A questo punto, il giocatore badante che ha appena vinto deve tirare il dado, per vedere se il Vecchio Rimbambito muore o se resta in vita: infatti…

  • se il risultato è un valore numerico (con + o -), il giocatore muove la pedina vecchio sul tracciato Vita di tante caselle quanto è il valore sul dado (ad esempio, se esce -2, la pedina Vecchio si muoverà di due caselle verso lo zero);
  • se il risultato è l’Anello, tutti i giocatori devono cercare di afferrare il dado prima degli altri; chi ci riesce può togliere un punto alla badante che ha appena vinto il round E può scegliere se far avanzare (-1) o indietreggiare(+1) il Vecchio sul tracciato Vita di una casella;
  • inoltre, se la pedina Vecchio Rimbambito raggiunge una delle due caselle con la pillola blu ed il numero in rosso (n° 4 e n° 12), il giocatore che ha lanciato il dado può rubare un punto ad un giocatore a sua scelta.
20191120_103059-min
Il vecchio era sulla casella 7: il giocatore tira il dado e muove il Vecchio di tre passi verso lo zero: in questo modo, raggiunge la casella 4, che gli permette di prendere un punto ad un altro giocatore.

Una volta mossa la pedina Vecchio Rimbambito, ogni giocatore ripesca carte Valigia fino a tornare a sette, mentre il segnalino Famiglia passa al giocatore a sinistra del giocatore Famiglia e si riprende con un nuovo round.

La partita continuerà finché la pedina Vecchio Rimbambito non raggiungerà la casella “0”: ciò vorrà dire che il povero vecchio è passato a miglior vita, decretando anche la fine della partita. A questo punto, il giocatore con più carte Annuncio soddisfatte – anche a parità – sarà dichiarato vincitore e la miglior badante dell’Est sulla piazza!

20191120_103248-min
Il Vecchio è appena schiattato: fine della partita e si dichiara vincitore chi ha più carte Annuncio.

Cosa ne penso io?

Colf Express – come è già capitato per altri Print & Play – è stato un incontro davvero casuale: letto in un post su Facebook, il suo nome mi ha incuriosito per la forte somiglianza con un titolo che ho trattato pochissimo tempo fa – su Houseofgames – e che, una volta provato, mi ha fatto ridere e divertire tantissimo. Tra l’altro, ho avuto modo di conoscere l’autore del gioco, che si è rivelata una persona davvero disponibile e simpaticissima: è anche grazie a lui – avendo il suo permesso – che ho potuto pubblicare questo articolo!

2
L’autore di COlf Express, Simone Guastella

Sebbene Colf Express prende molti spunti da Cards Against Humanity, l’autore ha implementato diverse novità, rendendolo davvero unico se non addirittura migliore: ad esempio, ho trovato geniale la possibilità di giocare le carte contro gli avversari, permettendo al giocatore di disfarsi di quelle carte Valigia molto difficili da giocare (lamentela, invece, che ho sentito molto spesso durante le partite a CAH). Motivo di pregio anche l’ambientazione ed il tema, allo stesso tempo divertente ma non comune: non mi pare di ricordare titoli che parlino di badanti e pochi sono i titoli ambientati in Russia (ad esempio, Nyet e Russian Railroads).

Unica pecca del gioco è la plancia Vita e nel dado, che rende la partita – a mio avviso – un po’ troppo corta: facendo un calcolo probabilistico, una partita dura in genere 4-5 round e non è detto che tutti riescano a fare la Famiglia. Ma l’autore sta già lavorando per migliorare il gioco ed ha già trovato rimedio per superare questo aspetto (come far partire il vecchio alla casella n° 12).

20191120_103635-min
Mamma mia, quanto vive questo Vecchio…

Perciò, se siete amanti di titoli come Cards Against Humanity e Cocorido, vi assicuro che adorerete anche Colf Express: proponetelo come gioco di fine serata al vostro gruppo di amici e divertitevi a trovare improbabili modi per dimostrarvi più abili e fantasiosi dei vostri avversari, magari accompagnando il tutto con patatine e vodka!

3
La versione ufficiale di Colf Express

Bene, ormai vi ho raccontato di questo splendido gioco, che vi esorto a provare il prima possibile! Voglio sempre ringraziare voi tutti – cari lettori – per il sostegno che date sia alla pagina Facebook e sia al profilo Instagram. Ma, ahimè, è giunto il momento di salutarci: ci rivediamo la prossima settimana con una nuova uscita!

Semper Filleris 53: Trapwords

TRAPWORDS
Autore Jan Brèzina – Martin Hrabàlek – Michal Pozàrek
Prodotto da Czech Games Edition (Cranio Creations)
Tipologia parole, party games,
N° giocatori 4-8
Età 8+
Durata  30 min
Dipendenza lingua A A A (bassa)
Rigiocabilità A A A  (media)
Difficoltà A A A (bassa)

Salve a tutti – cari lettori – e bentornati su Giochetti e Sfizietti! Siamo consapevoli che la scorsa settimana è mancato il solito articolo: abbiamo avuto problemi con il sito e non è stato possibile pubblicare. Per fortuna, si sono sistemati in fretta e possiamo riprendere con il consueto appuntamento.

Oggi ritorna Semper Filleris, la rubrica che parla esclusivamente di filler! Lo scorso articolo abbiamo parlato di A voi la Scelta, uno dei titoli di punta della Czech Games Edition. Anche il gioco di oggi fa parte di questa casa editrice: signore e signori, ecco a voi “Trapwords” di ben tre autori, titolo nato dalla mente di tre autori e localizzato in Italia grazie alla Cranio Creations.

20191112_110913-min
Trapwords, il titolo di oggi

Questa scatola abbastanza compatta contiene tutto il necessario per una partita, ovvero 7 tessere stanza, 10 carte Maledizione, 10 Carte Mostro, 50 Carte Parola (doublefass), 5 segnalini Mostri, 2 segnalini Squadra (rosso e blu), 2 segnalini Torcia, una clessidra, due matite, un blocchetto su cui scrivere le parole e quattro piccoli libricini in cartone, che serviranno per determinare la parola del turno. Per aiutare i giocatori a capire le regole, è presente sia il regolamento completo, sia una brevissima guida che riassume anche tutte le regole del gioco.

20191112_111230-min
Ecco cosa trovate dentro Trapwords

In Trapwords, i giocatori si dividono in due squadre e indovinare le proprie parole nascoste: in questo modo potranno avanzare all’interno del tabellone-dungeon, raggiungere il mostro e sconfiggerlo prima dell’altra squadra.

Tuttavia, prima di iniziare la partita, bisogna fare il setup e fare alcune scelte:

  1. Disponete 5 tessere Stanza al centro del tavolo, in ordine crescente: per le prime partite, è consigliabile scegliere le stanze dal n°3 alla n° 7; quindi mescolate tutte le carte Parola e collocatele accanto a questo dungeon;
  2. Dopo aver diviso i giocatori, ogni squadra riceve un foglio-lista, una matita, segnalino Squadra – che deve collocare sulla stanza con il valore più basso – e il segnalino Torcia, che assegna ad un giocatore a loro scelta (che diverrà il primo suggeritore);
  3. In Trapwords è possibile giocare con un set di parole di uso comune, oppure con un set di parole in stile “fantasy” (ad esempio, “Goblin”,”pozione” o “principe”). Scelto il set, date a ciascuna squadra uno dei due libri del colore del set (marrone per le parole fantasy e blu per le parole comuni);
  4. Scegliete o pescate a caso il Mostro che sarà presente in partita: i Mostri in tutto sono cinque – ognuno con caratteristiche e regole speciali da applicare – e di ciascuno esiste la versione difficile (con l’asterisco) e la versione facile (senza asterisco). Definito il mostro, collocatelo nella stanza con il valore più alto;
  5. Se volete – ma sconsigliato nelle prime partite – pescate due carte Maledizione e ponetele coperte (senza vederle) nella seconda e nella quarta stanza.
20191112_111653-min
Ecco pronto il setup…

Una partita a Trapwords si svolge in diversi round, fino ad un massimo di otto; mentre ciascun round si divide in due fasi: “Preparazione delle parole trappola” e “Indovinare la propria parola segreta”.

Nella prima parte, ogni squadra – contemporaneamente – pesca una carta dal Mazzo delle Parole e la inserisce all’interno del proprio Libro: in questo modo, verrà mostrata una sola parola, che sarà la parola segreta che l’altra squadra dovrà indovinare. Una volta che tutti hanno compreso tale parola, ogni squadra dovrà scrivere sul proprio foglio un numero di Parole – preferibilmente attinenti alla parola segreta – pari al valore sulla stanza in cui si trova il segnalino della squadra avversaria. Queste parole saranno le “Parole Trappola”: se il suggeritore della squadra avversaria dice una di queste parole – nella fase successiva – fa terminare immediatamente il proprio turno, perdendo la possibilità di guadagnare il punto.

Le parole Trappola possono essere sostantivi, aggettivi o verbi (esclusi “essere”, “avere” e”potere”) possibilmente attinenti alla parola che dovrà essere indovinata: quindi, qualsiasi parola può diventare una parola Trappola; ad eccezione delle parole “uno”, “cosa”, “quale”, “alcuno”, “qualcuno”, “nessuno”.

20191112_112214-min
La parola segreta è “Bronzo”: la squadra sceglie le parole “Oro”, “Argento” e “Medaglia” come Parole Trappola.

Quando entrambe le squadre avranno completato la propria lista di parole Trappola, inizia la seconda fase: infatti, ogni squadra consegna il proprio libro SOLAMENTE al suggeritore dell’altra squadra. Si gioca per turni alternati: generalmente, la squadra che inizia per prima ad indovinare è quella che si trova più indietro sul proprio percorso; in caso contrario (ad esempio, al primo turno), comincia la squadra che possiede il libro con il simbolo luminoso.

Quindi, il suggeritore della squadra ha qualche secondo per leggere e capire la propria parola segreta, dopodiché la clessidra verrà girata: il suggeritore deve far indovinare la parola segreta ai propri compagni di squadra, prima che scada il tempo, utilizzando quante parole vuole ma rispettando eventuali vincoli (più avanti); mentre la squadra ha solo cinque tentativi per indovinare la parola.

Se la squadra riesce ad indovinare in tempo la propria parola segreta, il suo turno termina e la squadra può far avanzare la propria pedina nella prossima stanza; in caso contrario se non è riuscita ad indovinare ed è scaduto il tempo – oppure hanno terminato i tentativi a loro disposizione – il proprio segnalino deve restare dov’è.

20191112_112322-min
L’altra squadra tenta di indovinare: “Quando partecipi ad una gara, cosa vinci se arrivi al terzo posto?” … “Mmm… la medaglia di BRONZO!” Ecco qua, indovinato!

Tuttavia, le Parole Trappola – scritte dalla squadra avversaria – sono un altro motivo di fallimento: infatti, se il suggeritore – a sua insaputa – pronuncia una delle parole contenute nella lista dell’altra squadra, fa scattare immediatamente la Trappola e fa finire immediatamente il turno, perdendo così la possibilità di avanzare. Inoltre, la Trappola si attiva lo stesso se il suggeritore pronuncia forme affini alla parola Trappola (es: animalesco su “animale”) o con parole composte da Parole trappola (ad esempio, dire “portafoglio” innesca la Trappola sia con “Porta” che con “Foglio”). Il suggeritore, quindi, dovrà essere molto attento: non conoscendo la lista delle Parole Trappola (i suoi avversari non gliela devono mostrare!), deve provare a far indovinare la parola segreta evitando spiegazioni troppo banali.

Inoltre – come spesso accade in giochi simili – esistono altri tipi di restrizioni: ad esempio, il suggeritore non può comunque dire la parola segreta (“cane”) o derivate di quest’ultima (“cagnolino”). Non sono validi anche i “fa rima con” (es: fa roma con pane) o “parole che la contengono” (alla parola “canestrello togli le ultime sei lettere) od altre forzature simili (di cui, per ragioni di spazio, non vi posso parlare per intero). In tutti questi casi, il suggeritore viene punito come se avesse detto una Parola Trappola.

20191112_112534-min
“Allora… questa cosa si può trovare in CHIESA, durante la Messa…” Parola trappola attivata!

A prescindere dall’esito della prima squadra, il turno passa all’altra squadra, che deve cercare di indovinare nelle stesse identiche condizioni. Quando anche l’altra squadra avrà fatto il proprio tentativo, si passa al round successivo, tuttavia:

  • se entrambe le squadre non sono avanzate durante il turno corrente, il Mostro avanza di una stanza verso le squadre, “spingendo” eventuali carte Maledizioni presenti nella stanza successiva in cui si trova il Mostro;
  • il suggeritore consegna il segnalino Torcia ad un altro componente della sua squadra, diventando il suggeritore del prossimo round.
20191112_112707-min
Entrambe le squadre hanno fallito: quindi il Mostro avanza e fa spostare la carta Maledizione nella stanza adiacente.

Durante la partita, le squadre possono arrivare in stanze con carte Maledizione: non appena ciò accade, tale carta Maledizione deve essere scoperta e letta. Quindi, la squadra (o le squadre) che si trova in una stanza “maledetta” deve giocare il proprio round seguendo le istruzioni della carta Maledetta, che possono modificare alcune regole del round in corso (ad esempio, non poter utilizzare le parole che iniziano per “S”. A prescindere se la squadra abbia indovinato la parola segreta o meno, la carta Maledizione verrà comunque scartata.

Anche le carte Mostro – come le Maledizioni – hanno degli effetti che applicano verso le squadre: infatti la Squadra – per sconfiggere tali Mostri – deve indovinare la propria parola segreta, rispettando le condizioni dettate dalla carta Mostro (ad esempio, dire solo un certo numero di parole).

20191112_112834-min
La squadra Rossa dovrà giocare – per “Oscurità” – con gli occhi chiusi; mentre la squadra blu – che deve affrontare il Mostro – dovrà giocare con due parole Trappola in più.

Se la squadra che vuole sconfiggere il Mostro fallisce, quest’ultimo non si muove – neanche se anche l’altra squadra ha fallito. Se, invece, è riuscito nel suo intento, tale squadra ha sconfitto il Mostro e vince immediatamente!

E’ possibile anche la vittoria condivisa, se entrambe le squadre indovinano la parola segreta mentre sono nella stessa stanza del Mostro. Ma la partita può anche finire in modo “inaspettato”: se infatti – negli otto round disponibili – nessuna squadra è riuscita a sconfiggere il Mostro, sarà quest’ultimo a vincere su tutti i giocatori!

20191112_113322-min
Nessuno è riuscito a sconfiggere il mostro in tempo… il Demone ha vinto!

Cosa ne penso io?

Spesso capita che vengo a sapere di alcuni titoli quasi “per caso”, magari dopo un giro in negozio: anche Trapwords l’ho scoperto in queste circostante e, incuriosito dalla descrizione, ho deciso di prenderlo. Devo ammettere di non essermi pentito nell’averlo acquistato:  Trapwords è un titolo godibile, una sorta di Taboo moderno e ben rivisitato, soprattutto con il fatto che il Suggeritore non sa le parole che non può dire, mettendolo ulteriormente in difficoltà.

20191112_113632-min
Chi riuscirà a sconfiggere per primo il drago?

Per chi è amante di Taboo già lo potrà immaginare, ma Trapwords può far nascere un po’ di discussioni all’interno del vostro gruppo di giocatori. Non parlo di argomenti del tipo “ah io pensavo che avreste messo quella parola come Trappola” o “perchè non hai detto questo per farci indovinare la parola?”; piuttosto parlo di elucubrazioni riguardo il regolamento: il consiglio che vi do è di non essere troppo fiscali e di “ammorbidire” le limitazioni alle parole che può dire il suggeritore, anche perché sono molte ed alcune davvero opinabili.

20191112_113930-min
“Allora… è un ucc… no, questa l’avete messa… è un VOLATILE”… Parola Trappola attivata?

Nonostante la durata di una partita – rientra perfettamente nei 30 min della scatola – Trapwords resta comunque un party games: se volete provare tutte le potenzialità di questo titolo, vi consiglio di portarlo al cenone di Natale – tanto è quasi dietro l’angolo – oppure di organizzare una bella serata tranquilla, con tanto di bibite e schifezze da sgranocchiare. Inoltre, non vi preoccupate se siete più di otto giocatori, poiché il gioco si presta anche a gruppi un po’ più grandi: abbiamo fatto una partita in dieci giocatori e ci siamo divertiti tantissimo e senza fare troppa confusione (anche se non tutti hanno fatto da suggeritore).

20191112_114142-min
Ecco le pagine del regolamento che dicono cosa è legale e cosa no.

Bene, questo articolo si avvia alla conclusione: voglio ringraziarvi – come sempre – per il supporto che continuate a dare a questa pagina, sia su Facebook, che su Instagram. Io, intanto, vi saluto: ci rivediamo la prossima settimana con una nuova uscita… E mi raccomando, non dimenticate il motto di questa rubrica: buona giornata, buon gioco e Semper Filleris!

Critica della Ragion Ludica 13: Come essere il miglior cattivo delle fiabe (Consigli su Villainous)

Salve a tutti – cari lettori e lettrici – e bentornati su Giochetti e Sfizietti. L’articolo di oggi fa parte di “Critica della Ragion Ludica”: vi ricordate i primi articoli di questa rubrica? Trattavo semplicemente di riflessioni strategiche e/o tattiche riguardo un titolo ben preciso, nonché di eventuali consigli su come giocare al meglio – o come “vivere” al meglio – un determinato gioco: ad esempio, abbiamo parlato di One Night Ultimate Werewolf e su come ogni personaggio interagisce con gli altri, oppure delle varie “strategie” che si possono compiere a Splendor.

20191030_095448.jpg
Alcuni titoli trattati in questa rubrica…

Tutte queste riflessioni su “come giocare a….” sono venute – nella maggiorparte del casi – ragionando e discutendo con il mio gruppo abituale di giocatori… Beh, poco tempo fa è successo di nuovo, con un titolo che stavamo aspettando, da buoni fan dei cartoni Disney. Immagino che ormai abbiate capito: oggi parleremo di Villainous, un gioco per 2-6 giocatori edito dalla Ravensburger e di cui è uscita da pochissimo la sua localizzazione in Italia.

20191030_095533
Villainous, il gioco targato Disney

In Villainous ogni giocatore avrà il ruolo di uno dei sei cattivi Disney e dovrà raggiungere il proprio obiettivo, diverso l’uno dall’altro. Per fare ciò, ogni giocatore avrà un Mazzo Cattivo – che contiene carte come Alleati, Effetti, etc – che lo aiuterà a raggiungere il proprio traguardo; ed un Mazzo Fato, che invece conviene carte che lo ostacoleranno (ad esempio alcuni Eroi, come Peter Pan o il Genio) e che verrà considerato solo dagli avversari (se devono svolgere l’azione “Fato”).

Durante il proprio turno, il giocatore muove la propria pedina Cattivo in una delle quattro aree del proprio Regno ed esegue le icone Azioni riportate: ad esempio, sarà possibile guadagnare Potere (la valuta per giocare le carte), oppure giocare carte dalla propria Mano, sconfiggere eventuali Eroi e via dicendo. La partita procede finché un cattivo non sia riuscito a raggiungere il proprio obiettivo e – nella maggiorparte dei casi – a mantenere tale situazione all’inizio del suo turno: se ciò accade, avrà vinto e sarà proclamato il miglior villain di sempre!

20191030_100019
Ecco cosa contiene la scatola di Villainous…

Avevo tremendamente paura di acquistare questo titolo: credevo che si sarebbe rivelata una grossa “cantonata”, un titolo fatto giusto per avvicinare gli amanti dell’ambientazione piuttosto che i giocatori veri e propri, come il Monopoly di Frozen, che non offre nulla di innovativo se non il tema.

Per fortuna, la Ravensburger ha fatto davvero un ottimo lavoro: partendo da una meccanica davvero semplice – ovvero scelgo lo spazio e ne gioco le azioni, con l’aggiunta dell’utilizzo delle carte – ha costruito un sistema di gioco molto fluido e scorrevole. Il regolamento non è molto corposo e si rivolge a tutti i giocatori, mentre un piccolo depliant – che va dato a ciascun giocatore, in base al proprio ruolo – spiega nel dettaglio l’obiettivo di un cattivo, quali sono i passaggi per poter vincere e l’utilizzo di alcune carte importanti: perciò, è una buona idea spiegare prima le regole principali e poi lasciare ogni giocatore a leggersi il proprio foglietto, senza rivelare nient’altro.

Per questo Villainous non è difficile da padroneggiare (anche se non immediato): il giocatore dovrà cercare di seguire il più possibile la strategia del proprio Mazzo e giocare le proprie carte in maniera scrupolosa, per superare gli eventuali ostacoli che si frapporranno verso la vittoria, come alcune carte Fato o la ricerca di una determinata carta. Inoltre, l’ambientazione è ben sentita non solo da un punto di vista grafico e dei materiali – le pedine sono fantastiche e molto “iconiche”- ma anche al livello di gameplay: Malefica, ad esempio, è l’unica che può giocare carte Maledizione; oppure la Regina di Cuori ha come Alleati principalmente le Carte da Gioco o che Jafar ha la capacità di “Ipnotizzare” (come lo è anche nel film).

Certo, non è un titolo esente da problemi : ad esempio, non credo che tutti i villains siano bilanciati per difficoltà – ma questo lo vedremo più avanti – se poi un giocatore è estremamente fortunato nella pesca delle carte sarà decisamente più avvantaggiato rispetto agli altri e generare quindi il “Runaway Leader” (ovvero che il giocatore in testa riesce ad avere un grande stacco dagli altri); che a sua volta probabilmente sarà soggetto a “Bashing Leader” (ovvero quando le azioni di tutti i giocatori vengono svolte per penalizzare il giocatore in testa) per cercare una rimonta… e sento anche puzza di “Kingmaking” (ovvero quando un giocatore che non può vincere può decidere con una propria azione la vittoria di uno o l’altro avversario), ma ancora non mi è capitata. Personalmente, non considero il “Runaway Leader” e il “Bashing Leader” difetti effettivi del titolo – piuttosto li vedo come elementi che possono o meno piacere all’interno di un gioco – ma entrambi possono generare disagio e frustrazione nel giocatori che li subiscono, che può far generare lo spirito della partita, soprattutto se sta oltrepassando l’ora di gioco.

20191030_100947
Pronti a diventare il “peggior” cattivo di sempre?

Come dicevo all’inizio, io ho avuto modo di provare tutti i villain – almeno una volta – ed ho assistito ad una partita in sei giocatori che non avevano mai giocato a Villainous: ho cominciato ad osservare sia il mio gioco, che quello degli altri giocatori ed ho tratto alcune personali “conclusioni”.

Perciò, analizzerò ogni singolo cattivo ed il suo relativo mazzo (compreso quello Fato), offrendovi la mia esperienza di gioco e suggerendovi qualche consiglio strategico/tattico; per poi concludere l’argomento di oggi con il mio “consiglio d’oro”, che credo valga per chiunque si approcci a questo titolo.

ALLARME SPOILER: anche se si trattano di personali consigli – perciò non per forza condivisibili –  su come giocare al meglio ogni mazzo, sconsiglio di continuare la lettura a coloro che hanno intenzione di scoprire “da soli” come vincere con ogni cattivo e vi consiglio di provare più partite possibili. Per chi, invece, ha già giocato parecchie volte a Villainous oppure non soffre di “spoilerate”, potete continuare e magari dirci anche voi cosa ne pensate…

20191030_100338
Le sei pedine Cattivo

Capitan Uncino

Scopo del gioco: deve riuscire a rivelare Peter Pan dal suo Mazzo Fato, sbloccare l’Albero dell’Impiccato, muovere Peter Pan alla Jolly Roger e lì sconfiggerlo.

Cominciamo subito dal mio Ruolo preferito, anche se non sono un grande amante del relativo film: come si può aiutare Capitan Uncino a sconfiggere finalmente Peter Pan? Immagino abbiate capito che questo villain dovrà compiere diversi step – prima di raggiungere il proprio obiettivo – ma per fortuna non deve compierli in un certo ordine: poco importa se riesce a rivelare per prima Peter Pan o la Mappa dell’Isola che non c’è (che gli permette di sbloccare l’Albero Impiccato), l’importante è che riesca a farlo il prima possibile, prima che vengano troppi Eroi. E nel frattempo, nulla gli vieta di giocare qualche Alleato (magari i due “Bruto Pirata”, i più forti) sul Luogo “Jolly Roger” con qualche bella “Sciabola”, pronti ad attaccare Peter Pan non appena raggiunge la Nave…

Ho notato che un buon Capitano Uncino deve comprendere in che “momento della partita” si trova, e cambiare completamente il suo gioco: ad esempio, se all’inizio per questo villain è fondamentale giocare sul proprio Mazzo Fato – l’unico che può farlo – per cercare Peter Pan (magari anche ringraziando gli avversari che gli giocano l’Azione Fato) una volta rivelato deve limitare i danni ed impedire che lui – o altri – tocchino il suo Mazzo Fato. Soluzione a questo problema? Rispondete al fuoco con il fuoco, giocando carte Fato su Luoghi avversari che contengono le icone Azione “Fato”. E quando Peter Pan sarà sulla Jolly Roger, l’arrivo di altri Eroi non sarà un problema: tanto dovete solo sconfiggere il loro “capitano”, mica la sua “ciurma”…

Nonostante ciò che ho appena detto, il grande punto debole di Capitan Uncino resta negli Eroi contenuti nel Mazzo Fato: non danno grandi problemi se è presente un solo Eroe nel Reame di Capitan Uncino, ma diventano decisamente fastidiosi quando sono tanti, tra cui “Wendy” (che fornisce bonus agli altri Eroi) e “Michele” (che può arrivare a forza 5). Se poi il vostro avversario riesce a giocare alcuni Effetti dal mazzo Fato, può realizzare delle combo micidiali: ad esempio “Gianni” con l’Effetto “Polvere di Fata” diventa in un lampo un Eroe di forza “5”; mentre odierete “I Bimbi sperduti” con “Schernire”, perché sarete costretti a sconfiggerli ed a sacrificare almeno due vostri Alleati.

20191030_101516
Anche se Peter Pan è ancora bloccato nell’Albero dell’Impiccato, il nostro buon Capitano si prepara qualche buon Pirata sulla Jolly Roger.

Jafar

Scopo del gioco: deve sbloccare la Caverna delle Meraviglie, giocare la Lampada Magica, ipnotizzare il Genio e muovere la Lampada Magica al Palazzo del Sultano.

Se il primo cattivo di questa lista è il mio preferito in assoluto, Jafar è quello che più odio giocare tra gli altri villain: forse non l’avrò ancora capito, forse è proprio il suo Mazzo e la sua strategia basilare che non mi convince, sta di fatto che ritengo sia il più difficile cattivo da gestire. Il grande “problema” di Jafar è che – a differenza di altri – il suo percorso strategico è segnato da tappe che non può “saltare” o anticipare: ad esempio, finché non recupera “l’Amuleto dello Scarabeo” non può liberare la “Caverna delle Meraviglie” – e giocare la “Lampada Magica” – così come non gli conviene “Ipnotizzare” il Genio se non ha almeno in campo la “Lampada Magica” (perchè per effetto della stessa carta, farebbe tornare il Genio dalla parte degli Eroi). Solo una cosa può “anticipare”: una volta rivelato il Genio, Jafar dovrebbe spostare la Lampada il più velocemente possibile al “Palazzo del Sultano”; in questo modo non solo toglie Forza al Genio, ma una volta Ipnotizzato, Jafar potrebbe già vincere al prossimo turno.

Oltre ciò, Jafar è il cattivo che ha bisogno di “tutto” per vincere: non può rinunciare ad alcune carte specifiche – come la Lampada Magica o Ipnotizzare – deve aver bisogno di tanto Potere  – altrimenti non può lanciare “Ipnotizzare” sul Genio, visto che avrà bisogno di 6 Potere, nel migliore dei casi – e nel frattempo deve sconfiggere quegli Eroi che cercheranno di sottrargli oggetti preziosi (come il “Bastone del Serpente”); il più delle volte, tutto ciò dovrà raggiungerlo “contemporaneamente”. Per fortuna, vengono in suo soccorso Oggetti che gli forniscono Azioni aggiuntive o gli permettono di recuperare carte dalla pila degli scarti: per questo motivo, il “Bastone del Serpente” è indispensabile da giocare (perchè fa recuperare le carte “Ipnotizzare”, di cui esistono solo tre copie nel Mazzo), mentre Jago aiuta nello spostamento della Lampada dalla Caverna al Palazzo.

E’ vero che – per ognuna di queste “richieste” –  esistono carte Cattivo apposite (come “Chiaroveggenza” che permette di cercare Oggetti o Alleati), ma esistono altrettante carte Fato così fastidiose che possono anche allontanare Jafar dalla vittoria in extremis: “Aladdin” e “Abu” possono rubare la “Lampada” dal Palazzo del Sultano e ritardare la vittoria; ed una volta sconfitti possono anche ritornare in vita, se viene giocata la carta “C’è mancato poco”. Consiglio spassionato: meglio Ipnotizzare un vostro Eroe piuttosto che sconfiggerlo normalmente; perchè se invece lo lasciate ipnotizzato – senza mai usarlo – l’effetto di “C’era mancato poco” non si può applicare e dovreste solo temere che qualcuno vi faccia scartare un Eroe ipnotizzato (di Forza 3 o inferiore) con “Brutto Colpo”. E se poi Ipnotizzate Raja o Aladdin – avendo la Forza maggiore di 3 – saranno vostri per sempre…

20191030_102041
Con il suo amato Bastone del Serpente, Jafar non deve farsi problemi a “Ipnotizzare” i suoi Eroi avversari.

Malefica

Scopo del gioco: deve giocare Maledizioni e muoverle in modo da avere almeno una Maledizione in ogni Luogo del suo Reame.

Se Jafar – a mio avviso – è uno dei più tosti da giocare, la grande Malefica, invece, si dimostra più abbordabile: infatti, il giocatore dovrà principalmente giocare il più velocemente possibile le carte Maledizioni; perché le sue carte Fato sono impostate principalmente per togliere Maledizioni. Sarà un’altalena di “emozioni”: Malefica potrebbe ritrovarsi alla fine del turno con tutte le Maledizioni e ricominciare con nessuna senza neanche troppo sforzo! Volete evitare tutto questo? Un po’ come Capitan Uncino, passate al contrattacco e giocate carte Fato su quei spazi avversari con l’icona “Fato” ed avrete più respiro…

Per avere più possibilità di giocare le carte Maledizioni, Malefica dovrebbe pescare e guadagnare Potere il più possibile: il Luogo “La Foresta” dovrebbe essere la vostra scelta migliore e quella da fare il più possibile, perché vi permette di guadagnare tanto Potere, di giocare fino a due carte ed anche di scartare le carte dalla vostra mano, qualora ne abbiate bisogno. Per questo motivo, se riuscite a giocare le carte “Svanire” (che vi permettono di non muovervi da un Luogo) e/o di spostarci dentro l’alleato “Corvo” (che permette di scegliere un’icona Azione e di svolgerla), sarete davvero a cavallo!

Attenzione anche dove e in che ordine giocate le Maledizioni: la carta Maledizione “Sonno Senza Sogni” è la più difficile da rimuovere (secondo le condizioni della carta), perciò dovranno essere le prime Maledizioni da lanciare; mentre la Maledizione “Foresta di Rovi” è la più semplice da rimuovere (quasi la metà delle carte Fato può eliminarla!), quindi risparmiatela come quarta o quinta Maledizione da lanciare. La Maledizione “Fuoco Verde” è ottima, ma evitate di giocarla nella “Foresta”, altrimenti vi darete la zappa sui piedi!

20191030_103605
La grande Malefica che decide di “Svanire”, per sfruttare il suo Luogo migliore…

Il Principe Giovanni

Scopo del gioco: deve raccogliere Potere in modo da averne almeno 20 Gettoni.

Principe Giovanni, “re fasullo d’Inghilterra”, che sfrutta le sue tasse per avere più denaro: è stato il primo Cattivo provato ed il primo che mi è piaciuto tanto. Con lui, vi chiedo di fidarvi della sua “Guida al Cattivo”: almeno per le prime fasi, spendete Potere per giocare Alleati, in modo da avere un qualche aiuto in più. Ad un certo punto – di solito quando si è superato i 12-13 Potere – capirete da soli che si dovrà accumulare e basta…

Se per Malefica la “Foresta” è fondamentale, allo stesso modo per Giovanni è importante il luogo “Prigione”: Luogo di guadagno di Potere sicuro, è anche il posto migliore dove spostarvi gli Eroi – tramite “Imprigionare – che vi verranno giocati contro,perché lì non esistono simboli Azioni che possono essere coperti. Potrà sembrarvi strano, ma la forza di Re Giovanni sta proprio in questi “Eroi”: infatti alcune carte permettono di guadagnare Potere solo grazie a questi – come la “Taglia”, guadagnando due Potere se vengono giocati Eroi in un determinato Luogo – o in base a quanti Eroi sono ancora in vita (come “Bellissime, adorabili Tasse”). Perciò, evitate di sconfiggere gli Eroi, meglio se li “imprigionate”!

Ma ci sono alcuni Eroi che non devono restare nel vostro Regno: Re Riccardo è il primo di cui sbarazzarsi – perché vi impedisce di giocare le carte Effetti, la vostra risorsa principale di Potere – seguito da Lady Cocca (che non può essere imprigionata) e Robin Hood, che riduce i vostri guadagni (ma è fastidioso solo all’inizio). Concentrate i vostri attacchi su questi e – se possibile – giocate l’alleato “Tonto” nello stesso luogo degli “Arcieri Lupo” e/o assegnate all’Alleato “Crucco” l’oggetto “Arco e Frecce”. Ultimo consiglio: se vi dovessero giocare contro l’Eroe “Little John” o la carta Effetto “Rubare ai Ricchi” – entrambe tolgono Potere a Re Giovanni, ma se vengono sconfitti vengono recuperati – all’inizio ignorateli e poi, quando siete vicini al vostro Traguardo, sconfiggeteli in modo da avere un margine di segnalini Potere che potete perdere mantenendo comunque la condizione di vittoria!

20191030_103919
Mettere in prigione qualche Eroe e riscuoterne le tasse…

La Regina di Cuori

Scopo del gioco: deve giocare e trasformare le Guardie di Carta in Archetti, muoverli in modo da averne almeno uno in ogni Luogo del suo Reame e infine giocare la carta Tirare.

Leggendo lo scopo della Regina di Cuori, può sembrare davvero complicato soddisfarlo: in realtà – almeno per me – la Regina di Cuori è il villain più semplice da giocare, ma allo stesso tempo più difficile da inquadrare. Il motivo è presto detto: nel regolamento generale, vengono spiegate varie azioni da compiere che possono essere più o meno utili; per la Regina, invece, deve imparare per bene la propria Guida, che aggiunge delle regole speciali, come il Rimpicciolire e la meccanica della Guardia/Archetto.

Oltre a questo, la Regina di Cuori – almeno per me – dovrebbe “ignorare” la maggior parte delle regole base e come solitamente gioca un cattivo: ad esempio, un qualsiasi cattivo può avere diversi vantaggi nello sconfiggere un Eroe, come liberare icone Azioni. Invece, la Regina non ha bisogno di sconfiggere gli Eroi – anzi, spesso le fa perdere solo tempo – e più conserva le proprie Guardie di Carta – unici alleati che le sono davvero utili – e più facilmente si avvicina alla vittoria. Anche perchè, è lo stesso Mazzo Cattivo che viene in aiuto al giocatore: ad esempio, “Rimpicciolire” vi permette di liberare un simbolo Azione nascosto da un Eroe (evitando che venga coperto nuovamente), mentre la carta “Tagliategli la testa” vi permette di togliere qualche Eroe davvero fastidioso – come il “Bianconiglio” e il “Capitan Libeccio” – senza sprecare preziosi Alleati.

Una volta che la Regina di Cuori ha un Archetto su ogni Luogo, consiglio di giocare la carta “Tirare” appena possibile, poiché il più delle volte il Tiro ha “Successo” e vi farà vincere la partita immediatamente: ho provato a fare delle simulazioni e generalmente il valore totale delle carte rivelate si aggira intorno 7-8; mentre avendo le guardie di carta più deboli arrivate di sicuro ad 8 (escludendo ovviamente carte Fato e/o Cattivo attive). E non abbiate paura a utilizzare o scartare altre carte “Tirare”, specie se le avete in mano già ad inizio partita: è vero che ne esistono solo tre esemplari nel Mazzo, ma trattenendole in mano vi impediscono di pescare più carte. Quindi, meglio scartarla ed essere anche sicuri che non capiti nel momento sbagliato, ovvero quando state per “Tirare”; poiché il suo costo “4” è l’unica cosa che può impedirvi di vincere…

20191030_104347.jpg
Una piccola dimostrazione di come un Tirare ha successo, nonostante il Brucaliffo che riduce la forza di un Archetto

Ursula

Scopo del gioco: deve giocare il Tridente e la Corona, muoverli in modo che arrivino nel suo Covo e sconfiggere il Re Tritone.

Concludiamo con la temibile Strega del Mare, che paradossalmente deve “scalare una montagna” per diventare la Regina di Atlantide e per scalarla deve prima “raggiungere la cima”, ovvero conquistarsi la “Corona” e il “Tridente”. Tuttavia, se per avere la Corona basta trovarla e giocarla direttamente nel “Covo di Ursula”, per avere il Tridente deve prima rivelarlo e sconfiggere Re Tritone: questa rappresenta la cima della montagna che – una volta superata – avvicinerà drasticamente la vittoria di Ursula. Tra l’altro, è possibile anche fare una piccola combo: se il Re Tritone è in gioco con il “Contratto Vincolante Verde” (che si attiva al Covo di Ursula) su di lui, Ursula può giocare il Tridente nel Covo, di conseguenza far spostare Re Tritone e sconfiggerlo immediatamente, non appena si attiva il Contratto: un bel colpo di acceleratore verso la vittoria, non trovate?

Cercate di essere attenti a conservare e usare i “Contratti” con molta parsimonia, facendo anche attenzione su quale Eroi giocarli: il vostro obiettivo principale è il Re Tritone – il primo da sconfiggere – a seguire Ariel (che vi impedisce di spostare gli oggetti). Tutti gli altri Eroi possono essere fastidiosi solo prima della sconfitta di Re Tritone: quando il Tridente sarà vostro, l’unica reale minaccia sarà Ariel – o al massimo “Grimsby, se vi blocca il Covo con il Lucchetto – poiché la sola che può sottrarvi un oggetto (come il Tridente).

Parliamo invece della “Trasformazione”, ovvero la carta che permette ad Ursula di spostare il segnalino Bloccato dal “Palazzo” al suo “Covo” (e viceversa): io ho fatto due partite con Ursula e l’ho vista giocata altrettante volte ed ho notato che non è così necessaria per la vittoria… addirittura ho vinto una partita senza mai trasformarmi! In effetti, il “Palazzo” può esservi utile solo per muovere gli Eroi – ma avete carte Cattivo che vi permettono di farlo – o per spostare l’eventuale Corona o Tridente (anche qui, esistono carte in sostituzione di ciò); ma quel simbolo “Muovi Oggetto” sul “Palazzo” non vi permetterà di portare nessun Oggetto nel “Covo”, poiché se il Palazzo è libero, vuol dire che il Covo è bloccato e non posso interagire con questo Luogo in alcun modo, anche per spostare gli oggetti.

20191030_104628.jpg
La combo che vi ho appena spiegato: giocando il Tridente, il Re Tritone è spacciato!

Ora che ho condiviso con voi i miei pensieri e consigli su ciascun Cattivo, adesso è l’ora dei due consigli “generali” ovvero che si applicano – chi più o chi meno – a tutti i ruoli contenuti in Villainous. Ma credo che ormai molti di voi l’abbiano già capito…

Il consiglio d’oro è “utilizzare tutte le carte del Mazzo”, sia che si tratti del mazzo Cattivo, sia dei mazzi Fato degli altri giocatori: infatti, ogni mazzo è composto da sole trenta carte, quindi non è così difficile svuotare completamente un mazzo (tanto si rimescola se termina).

In questo modo, non potete campare scuse sull’elemento “alea” presente nel gioco: infatti, da una parte avete la certezza di avere tutte le carte che vi servono  (nella sfortuna che, ad esempio, l’Amuleto dello Scarabeo sia la 30esima carta del mazzo Jafar), dall’altra avete ostacolato il vostro avversario e guadagnato un po’ di tempo per raggiungere il vostro obiettivo, oltre il fatto che potete rigiocare le carte Fato utilizzate all’inizio della partita (visto che anche il mazzo Fato viene rimescolato con gli scarti quando è terminato).

20191030_113843.jpg
Malefica avrà vita dura con tutte queste carte Fato…

Eccoci ormai giunti alla fine di questo tortuoso viaggio tra i Cattivi Disney: quale è il vostro preferito in Villainous e quale invece non potete sopportare? Siete d’accordo con queste personali opinioni oppure ne avete una vostra completamente differente? Giochetti e Sfizietti è sempre stata aperta al confronto ed alla riflessione; perciò vi invito a farlo sulla pagina Facebook oppure sul profilo Instagram. Nel frattempo, vi ringrazio per tutto il supporto che date a questo piccolo blog e ci rivediamo la prossima settimana. Buona giornata e… che vinca il cattivo migliore!

Giochi… a tavola 12: Colt Express/Pudding di mais

Bentornati, cari lettori e lettrici di Giochetti e Sfizietti: oggi tocca a “Giochi … a tavola”, la rubrica targata “G&S” che troverete esclusivamente su Houseofgames.it, con cui ormai da diverso tempo collaboro. Perciò, come ben saprete, l’articolo di oggi non lo troverete qui, ma sulla pagina di Houseofgames.it, oppure direttamente QUI.

18-min
Ecco cosa parleremo oggi…

Vi ricordo, come sempre, di sostenere sia la pagina di Houseofgames – che ci ospita sempre gentilmente – sia il blog stesso ed anche la pagina Facebook ed il suo profilo Instagram! Ora potete dedicarvi alla lettura di questo articolo: noi invece vi salutiamo e ci rivediamo qui la prossima settimana, con un nuovo articolo.”Bon jueu e bon appetit!”

Chiacchiere con l’autore 9: Four Against Darkness (di Andrea Sfiligoi)

Cari lettori e lettrici, bentornati su Giochetti e Sfizietti. Dopo tanto tempo, ecco che ritorna “Chiacchiere con l’autore”, la rubrica in cui apro le porte di casa mia ad ospiti legati al mondo dei giochi da tavolo e ci facciamo qualche chiacchiera e mangiamo schifezze (almeno io!).

Qualche tempo fa, ho scoperto un gioco davvero interessante, che vi permette di giocare un’avventura fantasy in stile Eumate: ho atteso con l’ansia l’arrivo di questo titolo e – quando l’ho avuto tra le mani – c’ho provato diverse volte, rimanendo sempre soddisfatto delle partite fatte. Tuttavia durante le prime partite avevo vari dubbi, perciò sono entrato nel gruppo dei fan italiani di questo gioco: i suoi membri sono sempre stati gentili e mi hanno aiutato a  comprendere meglio il regolamento.

In quello stesso gruppo, anche l’autore di questo gioco è un membro molto attivo; grazie alle sue spiegazioni e consigli, permette ai novizi di avvicinarsi alla sua “creatura”, aiutando anche me in varie “difficili” occasioni. Quindi, ho avuto l’idea di invitarlo qui a conoscerci meglio: signore e signori, vi presento Andrea Sfiligoi, l’autore di Four Agains Darkness.

a: Benvenuto, mio caro omonimo… Come stai? Intanto che ti accomodi, cosa ti posso offrire:

A: Una tisana, che tè e caffé non li posso bere perché soffro di bruciori di stomaco 🙂

a: Ecco a te, per me è un piacere averti qui di persona: ti conosco come utente attivo in un noto gruppo Facebook sui giochi da tavolo, ma so poco di te… Puoi dirci chi è Andrea Sfiligoi?

A: 51 anni, italiano ma vivo in Ucraina per ragioni di cuore (e di costo della vita), creo giochi per diletto da quando a 12 anni scoprii questo mondo con Zargo’s Lords e la scatola rossa di Dungeons & Dragons; ho lavorato per riviste amatoriali di settore in UK e professionali in USA (Roleplayer, Pyramid Magazine) e Italia (Kaos tra tutte, dove ero un collaboratore frequente sia come illustratore che come articolista). Nel 2007 dopo oltre dieci anni nel settore dell’animazione ho iniziato a scrivere e pubblicare i miei giochi, iniziando col gioco di miniature Song of Blades and Heroes che fu da subito molto popolare e che oggi ancora vende bene.

72357331_2460217614301368_1156737484265095168_n
Andrea Sfiligoi, l’invitato di oggi alla nostra chiacchierata

a: Andrea Chiarvesio – stimato autore di giochi da tavolo – Andrea Angiolino – figura importantissima nel panorama del gioco in Italia – e adesso anche tu: a quanto pare, il nome “Andrea” è comune in questo nostro “mondo”. Mi devo preoccupare?

A: Figurati, conosco Angiolino da tanti anni e ci siamo perfino ritrovati a insegnare insieme in un corso di game design… diciamo che è un mondo piccolo e il nostro nome per quelli della mia generazione è molto comune.

a: Scherzi a parte, cosa ti ha portato ad intraprendere questa carriera da inventore dei giochi? Perché io so che non sei solo l’autore del titolo al centro della nostra discussione…

A: Faccio il game designer a tempo pieno da quasi 12 anni. La decisione di farlo come lavoro nasce dalla necessità di …mangiare. Nel 2007 , quando ho iniziato, l’azienda per cui lavoravo era prossima al fallimento e avevo zero soldi in banca… Ho messo su un piatto tutte le cose che sapevo fare – un modesto talento per il disegno, ore passate a giocare a giochi di tutti i tipi, e una buona conoscenza dell’inglese scritto… mi sono messo a produrre semplicemente i giochi ai quali avrei voluto giocare, senza dover aspettare che qualche casa editrice li pubblicasse. Ho fatto tutto da solo, in maniera un po’ incosciente e imparando sul campo dai miei errori.

a: E veniamo ora all’argomento della nostra discussione, ovvero Four Against Darkess (o 4AD), un dungeon crawler roll&write che permette di vivere – in solitaria o in compagnia – un’avventura fantasy, esplorando cunicoli e misteriosi pericoli. Un gioco che adoro e che continuo a giocare senza sosta (anche se possiedo solo il manuale base). Io ne parlerei per delle ore, ma a te l’onore di spiegare in cosa consiste, soprattutto a chi non lo conosce.

A: Beh le cose essenziali le hai dette già. 4AD nasce dalla mia esigenza di giocare qualcosa di simile a un gioco di ruolo (senza dover dipendere dalla presenza di altri giocatori, cosa ahimè sempre più difficile) e un libro-game (senza però passare ore a leggere, ma sottolineando la parte “gioco”). Il gioco doveva essere semplice dal punto di vista matematico (perché non amo fare troppi conti o tenere in testa troppi dettagli allo stesso tempo) e altamente randomico (in modo da presentare situazioni diverse ogni volta che fosse giocato) e giocabile senza l’ausilio di plance, carte o altri ammennicoli (che avrebbero reso la produzione troppo costosa per le mie tasche – essenzialmente tutti i miei giochi sono venduti nel formato libro o ebook in pdf). Il tutto andava condito con una buona spruzzata di nostalgia, perché sono conscio che il giocatore medio di oggi è un uomo di mezz’età che ricorda con piacere i suoi anni giovanili… I supplementi cambiano molto il gioco, espandendo il tema dei dungeon generati a caso e aggiungendo altri temi, nuove classi e incantesimi, altri ambienti e altre missioni da compiere. Inevitabilmente, questi materiali aggiuntivi aumentano la complessità del gioco base, ma l’essere pubblicati come moduli separati rende l’apprendimento appunto “modulare” e facoltativo. Devo dire con piacere che la maggior parte dei giocatori compra buona parte dei supplementi. Attorno a 4AD si sono create due comunità splendide, una in lingua inglese e una in italiano, che postano continuamente nuove idee e materiali fan-made che tengono il gioco vivo tra un’uscita e l’altra.

72100761_2314092225387085_8422781023254740992_n
Four Against Darkness, il gioco creato da Andrea Sfiligoi

a: Come è nata questa tua idea di realizzare un gioco simile, utilizzando un sistema che si “autogestisce” grazie ai dadi? E perché lo hai pensato in questo “formato cartaceo”, piuttosto che come gioco da tavolo, gioco di ruolo o un wargame?

A: In realtà nelle appendici di Advanced Dungeons and Dragons seconda edizione c’era già un sistema simile, io l’ho solo adattato ai gusti di oggi e semplificato. Il formato libro è l’unica cosa che so fare 🙂

a: Quale è stata la tua fonte di ispirazione per Four Against Darkness? Io ho percepito vari riferimenti al mondo dei giochi di ruolo fantasy, in particolare alla prima edizione di Dungeons & Dragons (ad esempio, la presenza del Nano e dell’Elfo come classi, anziché come razze). Sbaglio?

A: Certamente D&D prima edizione, ma anche Tunnels & Trolls e il libri-game della serie Fighting Fantasy sono state le fonti di ispirazione maggiore. Come hai intuito, le “classi razziali” sono un omaggio ai bei vecchi tempi.

a: Four Against Darkness non è un titolo “appena uscito”, ma è già sulla piazza da qualche anno in lingua inglese ed è stato tradotto in Italia solo da quest’anno. Attualmente, quanti manuali di Four Against Darkness hai realizzato? E quanti ne sono stati tradotti in italiano?

A: La cosa è un po’ complessa perché ne escono uno o due al mese e ho perso il conto. Comunque al momento in cui scrivo queste risposte alle tue domande ci sono 21 volumetti, di cui alcuni sono spin-off e non proprio collegati alla linea principale di 4AD ma giocabili con le stesse regole. Le uscite italiane sono diverse, perché l’editore fa un prodotto più corposo e riveduto e corretto rispetto all’edizione inglese, quindi in italiano alcuni titoli vengono accorpati per offrire più materiali ai giocatori (per esempio, l’edizione italiana di 4AD include Fiendish Foes, ribattezzato Nemici Diabolici, che in inglese venne invece pubblicata come un volumetto di sole 8 pagine).

Sperando di fare cosa gradita ai lettori, ti presento qui l’elenco delle uscite in inglese:

  1. Four Against Darkness (volume base)
  2. Fiendish Foes (mostri per il livelli 3 e 4, contenuto nel volume base dell’edizione italiana)
  3. Caves of the Kobold Slave-Masters (avventura, pubblicata in italia come Caverne degli Schiavisti Coboldi)
  4. Dark Waters (avventura che presenta una nuova classe, lo spadaccino, pubblicata in Italia nel volume Acque Oscure e Altre Avventure)
  5. The Three Rings (avventura, pubblicata in Italia nel volume Acque Oscure e Altre Avventure)
  6. Man-Eater! (avventura cooperativa per 1-4 giocatori)
  7. The Knight of Destiny (versione arturiana)
  8. Four Against the Abyss (espansione per il livelli 5-9, esce a Lucca Games 2019 in italiano col titolo Contro l’Abisso)
  9. Four Against the Netherworld (in italiano si chiamerà Contro l’Aldilà)
  10. Treasure Hunters of Charlemagne (versione paladini di Carlomagno)
  11. Buried Secrets (avventura in solitario per un chierico)
  12. Courtship of the Flower Demons (Campagna)
  13. The Crucible of Classic Critters (regole per avventure nelle foreste)
  14. Concise Collections of Classes (libro di nuovi classi)
  15. Four Against the Titans (versione mitologia greca)
  16. Wayfarers and Adventurers (libro di nuove classi)
  17. Lairs, Dens and Burrows (antologia di brevi avventure “filler” da giocare tra un dungeon e l’altro, primo volume di una serie))
  18. Caverns of Chaos (espansione sui dungeon del caos)
  19. Heart of the Lizard (novella di Davide Mana con una mia appendice di regole, primo libro di una serie)
  20. Breachers of the Bone Belfry (avventura su 4 personaggi che ritornano dalla morte, da giocare quando subisci un total party kill)
  21. Digressions of the Devouring Dead (espansione sui dungeon dei morti viventi)

Tutti i volumi sono disponibili come spillati o brossurati (e i più lunghi anche come volumi cartonati) sul nostro store www.lulu.com/songofblades

Invece ecco l’elenco dei prodotti italiani usciti finora. Traduzione e impaginazione sono curate da SKSgiochi.it , con edizione e distribuzione a cura di di MS Edizioni e mia supervisione generale per quanto riguarda i contenuti:

  1. Four Against Darkness Edizione Italiana (include Four Against Darkness e Fiendish Foes, più materiali aggiuntivi fatti ad hoc per il mercato italiano)
  2. Caverne degli Schiavisti Coboldi (avventura)
  3. Dromagast (poster avventura uscito a Play 2019, esaurito)
  4. Acque Oscure e altre Avventure (include Dark Waters e The Three Rings)
  5. Contro l’Abisso (edizione italiana di Four Against the Abyss, in uscita a Lucca 2019)
  6. Dadi ufficiali (contengono una tabella aggiuntiva, Lucca 2019)
  7. Bloc notes ufficiali (griglia per mappe, griglia per mappe isometriche, schede dei personaggi, schede dei mostri, tutti i notes sono formato a4 e contengono tabelle aggiuntive, Lucca 2019)
  8. T-Shirt Dungeon (maglietta con un dungeon giocabile, la Tana della Tetraidra, scritto ad hoc)
  9. La Maledizione di Tumbarr (avventura per la rivista IoGioco, n° 10)

Ovviamente non posso fare anticipazioni sulle uscite future in Italia, perché ciò è competenza dell’editore, ma l’intenzione è di tradurre e migliorare tutti i materiali.

73163060_475776369701758_7972968329545515008_n
Una delle espansioni di 4AD

a: Tra i titoli targati “4AD”, qual è il tuo preferito e qual è quello che non deve mai mancare nella collezione di un giocatore esperto di “4AD”?

A: Non è possibile esprimere preferenze perché cerco di fare in modo che TUTTI i titoli siano indispensabili, o comunque aggiungano materiale nuovo. Anche le avventure, che in teoria dovrebbero essere prodotti “usa e getta”, in realtà contengono sempre nuovi materiali come oggetti magici, nuove classi e nuovi incantesimi che puoi “portarti dietro” nelle avventure successive. Detto questo, i titoli “core” sono Four Against Darkness e Four Against Darkness: Contro l’Abisso, senza di questi non si gioca proprio, o non si avanza oltre il 4 livello.

a: In 4AD, il giocatore sceglie un party di quattro membri (come il Furfante, il Mago o il Mezzuomo), ognuno con i propri punti di forza e di debolezza. Qual è il party che consigli ai giocatori che stanno per iniziare le loro prime partite? E qual è, invece, il party che “tu” scegli da mandare all’avventura?

A: Per iniziare, Chierico, Guerriero, Mago e Furfante offrono l’esperienza più classica e il miglior “tutorial”, direi, con un mix di tutte le abilità. Puoi usare nano o elfo o barbaro al posto del guerriero, o spadaccino (da Acque Oscure e altre avventure) o Mezzuomo al posto del furfante.

Detto questo, io gioco in modo estremo per testare le regole, usando spesso le nuove classi che stiamo aggiungendo, oppure creo per divertimento gruppi insoliti come 4 Mezzuomini oppure tre maghi e un guerriero.

a: Altra piccola curiosità: immagino tu abbia fatto – da solo o in compagnia – innumerevoli partite a 4AD… Ti è mai capitata una partita “particolare”, oppure una “irrimediabilmente sfortunata”? Ad esempio, il mio “vecchio” party – dopo due ore all’interno di un dungeon fatto solo di corridoi – è stato spazzato via da un Signore del Caos che ci ha lanciato la sua magia più potente (esatto, ho fatto 6): morti il Mago ed il Chierico, il Nano ed il Barbaro hanno ben deciso di abbandonare l’avventura e di mettersi dalla parte dello Stregone!

A: Beh, capita. È un gioco ad alea alta, ma se così non fosse sarebbe prevedibile e ripetitivo. Devo dire che raramente ho avuto un total party kill, perché di solito quando le cose si mettono male scappo, e le regole te lo consentono nella maggior parte dei casi. A volte ovviamente i mostri erranti la penseranno diversamente e non te lo lasceranno fare 🙂

20191014_180335.jpg
La mia avventura in cui Barbaro e Nano sono diventa

a: Sarai presente al Lucca Comics and Games di quest’anno? Se si, porterai qualche novità riguardo 4AD? Perché io so di una certa “maglietta”…

:Io sono presente come tutti gli anni nella Miniature Island. Quest’anno avrò uno scenario col mio gioco di miniature in solitario/cooperativo Sellswords and Spellslingers. Domenica invece giocherò e farò giocare a Four Against Darkness nella sezione Gioca con l’Autore, faremo un megadungeon su un grande foglio bristol usando anche qui un po’ di miniature per facilitare la visualizzazione dell’avventura. Invito i giocatori a venire, giocare un paio di stanze e poi magari a lasciare il posto ad altri giocatori, in modo che a fine giornata il massimo numero di persone possa provare il gioco. Useremo un party avanzato creato con le regole di Contro l’Abisso.

a: Prima di concludere ti faccio una domanda “classica” di “Chiacchiere con l’autore”: progetti futuri? Hai in mente nuove pubblicazioni per Four Against Darkness?”

A: Un po’ te ne ho parlato prima facendo la lista di uscite in inglese per il 2020. Va aggiunto che il mio collaboratore Massimo Moscarelli sta lavorando a una versione “gladiatoriale” (è un grande appassionato di storia dei gladiatori) in cui il giocatore interpreta un lanista che gestisce una squadra di quattro gladiatori nel circuito dei vari anfiteatri, in giro per l’Italia del tempo. Si dovrebbe chiamare Quattro Gladi per la Gloria e sarà in playtest a Lucca nella sezione Gioca con l’Autore.

Tra le altre cose, sto lavorando a una versione horror vittoriano ma che è ancora allo stato embrionale, e il cui titolo di lavorazione è Diario di Un Cacciatore di Mostri. Ma intanto vediamo se venderà bene la prima versione fantascientifica, Four Against Mars, che uscirà per Ganesha Games verso Natale.

72957025_531901360954514_5605550375663828992_n
Il nostro Andrea che “mastera” una sessione in 4AD

a: Mio caro Andrea, voglio intanto ringraziarti per due motivi ben precisi: il primo è che – grazie al tuo gioco – sto apprezzando ancora di più il vasto mondo dei giochi di ruolo; anche se ogni tanto mi fa perdere la pazienza, specie quando il mio Barbaro continua a fare “Fallimento critico” per cinque round di fila! Il secondo motivo è per avermi concesso un po’ del tuo “prezioso” tempo: spero che anche tu ti sia trovato bene qui, a mangiucchiare e a chiacchierare con me…

A: è stato un piacere!

a: Fantastico, vuoi fare un saluto a tutti i nostri lettori?

A: Un saluto a tutti, un arrivederci a Lucca Comics and Games 2019 augurando a tutti tante “esplosioni” sui dadi! Vi lascio i miei contatti:

email: andreasfiligoi@gmail.com

sito: www.ganeshagames.net

Sito cartacei inglese: www.lulu.com/songofblades

Sito ebook

inglese: www.gumroad.com/ganeshagames

sito editore italiano: www.msedizioni.it

Sito e store del curatore italiano: www.sksgiochi.it

 

Per prima cosa, voglio ringraziare Andrea per averci permesso questa piccola “chiacchierata” e ringrazio anche voi per tutto il supporto che date a Giochetti e Sfizietti, alla sua pagina Facebook ed al suo profilo Instragram. Noi ci vediamo la prossima settimana con un nuovo articolo di “Giochi a Tavola”, la rubrica in collaborazione con Houseofgames.it. Alla prossima!

Semper Filleris 52: A voi la scelta!

A VOI LA SCELTA!
Autore Vlaada Chvàtil
Prodotto da Czech Games Edition (Cranio Creations)
Tipologia conoscenza, voto, party games,
N° giocatori 3-6
Età 15+
Durata  30 min
Dipendenza lingua A A A  (alta)
Rigiocabilità A A A (bassa)
Difficoltà A A A (bassa)

Cari lettori e lettrici, bentornati su Giochetti e Sfizietti: stavolta tocca di nuovo a Semper Filleris, la rubrica in cui si dà spazio ai Filler e ai giochi brevi, contro il dispotismo dei titoli che durano più di tre ore! Scherzi a parte, io adoro sia i titoli grandi che piccini, purché ben pensati e sviluppati…

A proposito di ciò, l’autore del titolo di oggi ha dimostrato di essere davvero poliedrico da questo punto di vista: questo autore ha nella sua ludografia sia titoli davvero heavy – tra cui “Through the Ages”, considerato da molti come “il gioco più complesso e più lungo”, sia titoli leggeri e party games, come “Nome in codice” che gli è valso lo “Spiel des Jahres” nel 2016.

Immagino abbiate capito di chi stia parlando, anche dal titolo proposto oggi: signore e signori, ecco a voi “A voi la scelta” – in inglese “That’s a question!” – gioco di Vlaada Chvatil per 3-6 giocatori, edito dalla casa ceca GCE, mentre in Italia dalla Cranio Creations.

20191007_190458.jpg
A voi la scelta, il titolo dell’articolo di oggi!

All’interno della scatola, potete trovare un bel po’ di componenti: un tabellone di gioco double-fass, una plancia con le domande, 6 pedine scoiattolo (in vari colori), 108 carte Risposta, 12 tessere Lettera “A” e “B”, 6 segnalini “x3”, 6 segnalini “?!?”, 5 segnalini “Ghiande” ed il regolamento.

20191007_190914
I componenti in “A voi la Scelta”

Ma come si inizia una partita? Basta seguire questi passaggi…

  • Ogni giocatore sceglie un colore e riceve i materiali di tale colore: la pedina Scoiattolo, una tessera “A” e una tessera “B”, un segnalino “x 3” e un segnalino “?!?”;
  • Collocate il tabellone di gioco al centro, sul lato corretto in base al numero dei giocatori, quindi ogni giocatore piazza il proprio Scoiattolo nella casella di partenza;
  • Mescolate il mazzo delle carte risposta e date cinque carte ad ogni giocatore; con il resto delle carte va creato il mazzo che verrà utilizzato durante la partita, che sarà composto di un numero di carte in base al numero di giocatori (mettendo da parte le carte rimaste);
  • Collocate la plancia domande al centro del tavolo, con accanto il mazzo delle carte;
  • Si sorteggia il primo giocatore e distribuite i segnalini Ghianda in base al numero dei giocatori (ad esempio, in sei giocatori tutti tranne il primo giocatore ricevono la Ghianda).
20191007_191153
Setup per una partita di sei giocatori

Il giocatore di turno dovrà – per prima cosa – scegliere un altro giocatore che possiede almeno una Ghianda, prenderla ed aggiungerla eventualmente a quelle già in possesso: tale giocatore sarà quello che dovrà rispondere alla domanda fatta dal giocatore di turno.

Quindi, il giocatore di turno prepara la domanda da porre all’altro: sceglie quindi uno dei tre lati della plancia domande (“Cosa preferiresti tra?”, “Chi consideri peggiore?” e “Cosa ti mancherebbe di più se smettesse di esistere”?) e poi sceglie due carte risposta dalla sua mano – posizionandole una sullo spazio “A” e una sullo spazio “B” – sul lato della carta che condivide lo stesso colore della domanda scelta.

20191007_191324
Il giocatore verde ha appena preso la Ghianda al giocatore viola e gli costruisce la domanda: Chi consideri peggiore? Chi non rispetta le code o chi ha il permesso per i parcheggi riservati senza essere disabili?

Il giocatore di turno, a questo punto, legge la domanda appena composta al giocatore scelto, mentre quest’ultimo – per rispondere alla domanda – sceglie una delle due tessere Lettera e la pone coperta di fronte a se.

Fatto ciò, tutti gli altri giocatori – esclusi il giocatore di turno e chi sta rispondendo – dovranno tentare di indovinare la risposta che darà il giocatore che risponde; scegliendo una delle due tessere Lettera e ponendo tale tessera coperta sempre accanto a se. In questo momento, tali giocatori possono giocare i propri segnalini speciali (ma uno solo), che vanno giocati e rivelati insieme alla tessera Lettera.

20191007_191507
Il giocatore viola sceglie la sua risposta, mentre tutti gli altri cercano di indovinare quale sia.

Quando tutti hanno scelto la risposta (tra A e B), il giocatore che deve rispondere rivela la propria tessera con la sua risposta; successivamente anche tutti gli altri giocatori rivelano le proprie tessere. In base a ciò che viene rivelato, i giocatori muovono in avanti sul tracciato la propria pedina Scoiattolo:

  • tutti i giocatori che hanno scelto la stessa tessera del giocatore che risponde, avanzano il proprio Scoiattolo di uno spazio;
  • invece, il giocatore di turno avanza il proprio Scoiattolo di tanti spazi quante sono le risposte sbagliate.
20191007_191623
Esempio di punteggio: il giocatore blu ha indovinato la risposta del giocatore viola (quindi avanza di una casella), mentre il giocatore verde avanza di tre caselle, perchè gli altri tre giocatori hanno sbagliato la risposta.

Giocare i segnalini speciali permette ai giocatori di far avanzare il proprio Scoiattolo, se rispettano le condizioni (che si attivano dopo che sono state rivelate le risposte). In particolare…

  • segnalino “+3”: questo segnalino – se giocato – permette di muovere di tre caselle (invece che una) il proprio Scoiattolo, solo se il giocatore indovina la risposta nel turno in cui la gioca (in caso contrario, il giocatore non può avanzare);
  • segnalino “?!?”:  questo segnalino – se giocato – permette al giocatore di avanzare il proprio Scoiattolo di uno spazio per ogni risposta sbagliata (come il giocatore di turno) alla domanda di turno, escludendo la propria risposta.

Se – durante il movimento – la pedina Scoiattolo raggiunge e/o supera la casella “Lago” e/o “Pascolo”, il giocatore di quel colore può recuperare uno dei suoi segnalini speciali dalla plancia di gioco, anche se è stato appena giocato.

20191007_191741
In questo caso, il giocatore viola ha indovinato la risposta ed avanza di tre caselle invece che una, poichè aveva utilizzato il segnalino “x3”: in questo modo, raggiunge la casella Lago e può recuperare un segnalino speciale, anche quello che ha appena giocato.

Dopo che tutti i giocatori hanno spostato (o meno) il proprio Scoiattolo, vengono scartate sia le due carte Risposta, sia eventuali segnalini speciali che sono stati utilizzati. Quindi, il giocatore che ha posto la domanda pesca due nuove carte Risposta e passa il turno al giocatore alla propria sinistra.

Il gioco continua per diversi round, finché non vengono pescate le ultime due carte Risposta dal mazzo: se ciò accade, si dà inizio al “Round Finale”, che permetterà a tutti i giocatori un ultimo turno di gioco (quindi una domanda a testa) e di recuperare un segnalino speciale.

L’ultimo round di domande non ha regole speciali e si gioca come i turni precedenti, con la differenza che non si pescano nuove carte dopo aver mosso le proprie Pedine: quando anche l’ultimo giocatore ha concluso la sua domanda, il giocatore (o giocatori) più avanti sul percorso vince la partita!

20191007_192115
Fine ultimo turno: vince il giocatore giallo!

Che cosa ne penso io?

“A voi la scelta!” è un titolo abbastanza piacevole: nato sulla falsa riga di Dixit & co, si è ispirato a quelle applicazioni e/o piccoli videogiochi che pongono il giocatore a fare una scelta tra due elementi, solitamente non scontati (ad esempio “Will you press the button”). Su Youtube – per diverso tempo – questo tipo di giochi è stato in voga e potete trovare facilmente video di youtuber famosi che vi ci sono cimentati (tra cui Favij).

20191007_192657
Una partita in “A voi la scelta!”

Il gioco – nel suo complesso – è semplice, immediato e di facile apprendimento… però devo ammettere che il regolamento non mi è piaciuto affatto: infatti, il regolamento è costellato di battute fatte dall’autore e “filosofeggiate” che confondono solo il lettore – anche se le prime pagine l’autore specifica quali sono le parti del regolamento e quali invece no – senza essere divertenti o interessanti. Avrei apprezzato, invece, un regolamento molto più snello e privo di testo inutile; avrei anche accettato qualche breve battuta per coinvolgere il lettore – ad esempio, in Misantropia ci sono battute, ma sono limitate e non danno fastidio – ma non che il testo delle “battute” sia decisamente più “lungo” del regolamento vero e proprio!

20191007_193230
Le parti sottolineate in giallo è il regolamento effettivo: tutto il resto è fuffa…

A parte ciò, A voi la scelta resta un valido titolo – quindi faccio i miei complimenti all’autore – ed è un’ottima scelta se si cerca un titolo per concludere una serata giochi o una cena con amici… Tuttavia, vi sconsiglio di provare il gioco in questione con persone al tavolo che non si conoscono affatto: mentre Dixit può essere giocato anche tra perfetti sconosciuti – poiché un indizio può essere anche una semplice citazione – in A voi la scelta viene coinvolta totalmente la propria sfera personale e caratteriale – dato che si tratta di scelte personali e opinabili – e si rischia che la partita diventi tutta un “andiamo completamente a caso”… Se proprio volete farglielo provare, aspettate magari che si conoscano un minimo, prima di proporglielo.

20191007_193118
Solo chi mi conosce davvero bene, sa quale sarebbe la mia risposta…

Bene, ormai ho detto tutto ciò che volevo dirvi: voglio ringraziarvi per il supporto che date a Giochetti e Sfizietti ed ai suoi riferimenti, soprattutto Instagram, che comincia ad avere un ottimo seguito. Io vi saluto, ci rivediamo la prossima settimana con un nuovo articolo…”Semper Filleris!”