Semper Filleris 30: Rings up!

RINGS UP!
Autore Alexandre Droit
Prodotto da Blue Orange
Tipologia destrezza, velocità, colpo d’occhio, party game,
N° giocatori 2-6
Età 8 anni in su
Durata 10 min
Dipendenza lingua A A A (bassa)
Rigiocabilità A A A (media)
Difficoltà A A A (bassa)

Bentrovati, miei cari lettori, come state? Ormai sia Essen che il Liccacomics sono passati: immagino che abbiate provato – se non addirittura comprato – qualche buon titolo fresco fresco. Con l’articolo di oggi, invece, vorrei tornare un po’ indietro nel tempo – giusto un paio d’anni – con un titolo veloce e divertente: signore e signori, oggi vi parlo di “Rings up!, un gioco di Alexandre Droit per 2-6 giocatori, edito dalla Blue Orange nel 2015, in versione multilingua (tra cui l’italiano).

Rings up!, il gioco di oggi

All’interno di questa scatola piccola e coloratissima troverete 48 anelli colorati (12 rossi, 12 gialli, 12 verdi e 12 blu), 50 carte Sfida (ognuno con vari disegni bizzarri) ed un regolamento in versione multilingua, compreso l’italiano.

I componenti di Rings up!

Anche il setup in Rings up! è estremamente veloce: per prima cosa, un giocatore deve prendere tutte le carte Sfida, mescolarle tra loro e formarvi un mazzo, che andrà posto al centro del tavolo. Successivamente, i giocatori scelgono una modalità di gioco: ad esempio, nella modalità “Classica” ogni giocatore dovrà prendere due anelli per ciascun colore e metterli di fronte a se, come gli è più comodo.

Setup per tre giocatori

Quando tutti avranno accanto i propri anelli, il giocatore più anziano gira la prima carta del mazzo Sfida e la mostra a faccia in su al centro del tavolo, in modo che tutti la vedano. Appena rivelata tale carta, TUTTI i giocatori (infatti si gioca sempre in contemporanea) dovranno impilare sul proprio pollice la combinazione di anelli colorati, nell’ordine indicato dai numeri scritti bianco, sulla carta appena rivelata.

Esempio di turno: il giocatore deve infilare nel proprio cerchio prima un anello blu, poi uno rosso,  poi uno giallo e via dicendo…

Non appena un giocatore pensa di aver realizzato la giusta combinazione di colori, deve alzare il pollice e gridare “Ok!”. Il round così viene stoppato un momento e si controlla se la sequenza è realmente corretta: se è così, il giocatore può guadagnare la carta scoperta, aggiundicandosi un punto e ponendo fine al turno in questione. Dopo che tutti i giocatori avranno rimesso i propri anelli nella posizione iniziale (in base alla modalità scelta), chi ha appena vinto deve girare una nuova carta Sfida e riprendere il gioco.

Il giocatore ha appena gridato “Ok!” e si passa al controllo: in questo caso, visto che è corretto, il giocatore può guadagnare la carta

Tuttavia se il giocatore sbaglia nel riprodurre la sequenza di colori (ad esempio dimenticandosi qualche anello o invertendo l’ordine dei colori), il turno in questione riprende, ma il giocatore che ha appena fatto l’errore viene escluso e non potrà aggiundicarsi quella carta.

In questo caso, invece, il giocatore ha sbagliato (ha invertito il terzo e il quarto anello); così il turno riprende escludendo il giocatore che ha appena sbagliato

La partita continua finchè qualcuno non conquisti sette carte (e quindi ragiunto 7 punti): appena ciò accade, tale giocatore diventa il vincitore! Questa è l’obiettivo principale dal gioco, tuttavia i giocatori potranno decidere di far terminare la parita quando il mazzo Sfida sarà esaudito, dichiarando come vincitore chi avrà accumulato più carte.

Il giocatore ha appena conquistato la settima carta: ha vinto!

Che cosa ne penso io?

Rings Up! è un titolo semplice, veloce e simpatico: uno di quei giochi – tra l’altro indipendete dalla lingua – a cui non serve spendere troppe parole, anzi spesso è meglio farlo provare direttamente, con una carta Sfida come esempio. E noterete come gli stessi giocatori inizieranno a “giocherellare” cone gli anelli, a mischiarli ed a sentire il rumore che fanno…

Ah, che bella sensazione…

Una partita a Rings Up! vi terrà impegnati sotto vari aspetti: ad esempio, dovrete avere un buon colpo d’occhio ed una capacità di calcolo immediata, per poter inquadrare il prima possibile la sequenza di anelli da impilare, ma anche un po’ di destrezza ed una buona presa di mano; non immaginate quante volte abbia perso punti perchè mi scivolavano gli anelli dalle mani… Perciò è altrettanto facile sbagliare (ed in modi diversi), ma il più frustrante riguarda il colore giallo: esso infatti è molto chiaro e spesso i numeri non si leggono in modo chiaro (senza contare che le carte sono lucide, rendendo il tutto più difficile). Una tonalità più scura ne avrebbe giovato parecchio, ma pazienza…

Una carta Sfida con un 1 che – in base alla luce – non si vede granchè…

Altro vanto di questo titolo è la sua versalità, dato che il regolamento offre qualche piccola variante per “provarlo” in modo diverso: ad esempio – oltre a quella Classica – esiste una modalità (“Dita”) in cui i giocatori iniziano con due anelli di colore diversi su ogni dita (pollice escluso); in questo modo si può giocare anche quando non si ha un tavolo (all’aperto o sul treno).

Esempio di variante “Dita”

Grazie alla durata di una partita così contenuta – ehi, si tratta comunque di un filler! – potete inserire una partita in qualsiasi momento di attesa, che sia l’arrivo dei soliti ritardatari in associazione o il vostro turno dal dentista! Oppure… dovete digerire una cena composta da settanta (!) portate appena conclusa? Rings up! – anche qui – fa  al caso vostro: altro che caffè ed amaro!

Dopo un pranzo, è quello che ci vuole…

Direi di averti detto già tutto, al massimo vi consiglio di provarlo alla prima occasione… Nel frattempo, vi saluto e vi dico “Buona giornata, buon gioco e Semper Filleris!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...