Semper Filleris 41: Pandemia Contagio

PANDEMIA CONTAGIO
Autore Carey Grayson
Prodotto da Z-man games
Tipologia gestione risorse, carte, maggioranza
N° giocatori 2-5
Età 14+
Durata 30 m
Dipendenza lingua A A A (media)
Rigiocabilità A A A (bassa)
Difficoltà A A A (media)

Cari lettori e lettrici, bentornati su G&S… Vi sono mancato? Lo so, sono passate tre settimane – come vola il tempo – ma non sono rimasto con le mani in mano: due settimane fa, infatti, ho scritto una recensione speciale sulla pagina di Houseofgames.it! Se siete curiosi e volete darci un’occhiata, basta seguire questo link. E ve lo consiglio caldamente, anche perché il gioco di oggi potrebbe essere molto “contagioso”…

Se invece siete temerari – o folli – potete scoprirne il titolo: signore e signori, ecco a voi “Pandemia Contagio”, lo spin off tratto dalla serie “Pandemia” di Matt Leacock (anche se quest’opera è di Carey Grayson), un gioco per 2-5 giocatori ed edito nel 2014 grazie alla Z-man games; e poco tempo dopo grazie alla “vecchia” Asterion.

Ecco a voi, Pandemia Contagio, il titolo di oggi

Una piccola ma robusta scatola contiene tutto il necessario per un’epidemia con i fiocchi: 60 carte Contagio, 24 carte Città, 12 carte Eventi, 6 carte Organizzazione Mondiale della Sanità (o OMS), 5 plancette malattia, 5 dischetti-indicatori di punteggio, una tabella Segnapunti, 75 cubetti (malattia) divisi in 5 Vetrini (uno per colore) ed un piccolo regolamento che non supera le dieci pagine!

I componenti di Pandemia Contagio

A differenza degli altri titoli di Pandemia – in cui bisognava trovare le cure – in Contagio prenderete le parti invece delle malattie, ed il vostro scopo sarà quello di infettare tutto il mondo! In termini di gioco, chi avrà guadagnato più punti (ottenibili in vari modi), viene dichiarato vincitore, oltre che responsabile dello sterminio della razza umana!

Per iniziare questa discesa verso l’oblio, bisognerà compiere questi passaggi:

  1. Ogni giocatore sceglie un colore e prende la plancetta, vetrino (con 15 cubetti Malattia) ed il dischetto segnapunti del colore scelto; inoltre deve collocare un cubetto sul livello 1 di ogni Mutazione (Incubazione, Contaminazioni e Resistenza) e collocare il proprio dischetto accanto alla plancia Segnapunti; infine ogni giocatore riceve quattro carte Contagio;
  2. Stabilire il primo giocatore;
  3. Si mescola il mazzo delle Città e – in base al numero di giocatori – si collocano un certo numero di carte Città al centro del tavolo (scoperte); quindi a cominciare dall’ultimo giocatore, ognuno piazza un cubetto Malattia su una città a sua scelta;
  4. Con le carte rimaste, formare il mazzo di pesca (carte Contagio) e il Mazzo delle città;
  5. Si mescolano separatamente le carte Evento e OMS e se ne rimuovono 3 di ciascun tipo (da riporre nella scatola); quindi si compone il Mazzo degli Eventi in questo modo, partendo dall’alto: 3 carte Evento, 1 carta OMS, 3 carte Evento, 1 carta OMS, 3 carte Evento, 1 carta OMS (per un totale di 12 carte);
Setup di una partita per tre giocatori

Ogni partita è divisa in 9 round, ognuno dei quali ogni giocatore gioca il proprio turno. Prima del turno del primo giocatore, si deve rivelare la carta in cima al Mazzo degli Eventi: queste carte porteranno degli effetti – positivi o negativi – su ogni giocatore durante il suo turno. Il giocatore dovrà quindi seguire le indicazioni riportate su tale carta. In caso l’effetto sia negativo (ad es, si devono scartare carte), il giocatore può ridurre tale malus di un certo valore pari al livello di Resistenza che possiede; tuttavia dovrà poi abbassare di uno la propria Resistenza.

In questo caso, la carta Evento impedisce a tutti i giocatori di “Contaminare Nuove città”.

Nel rivelare le carte Evento (eccetto le OMS), potrebbero comparire uno di questi due simboli:

  • Simbolo Città: Appena appare questo simbolo, si deve pescare una nuova carta Città e la si deve aggiungere alle altre sul tavolo, sempre scoperta;
  • Simbolo Teschio: Nel corso della partita bisogna tener conto dei simboli Teschio che appariranno: infatti quando viene rivelato il secondo, il quarto e il sesto teschio, i giocatori guadagnano punti secondo il “Computo dei Morti” (vedi dopo);
Oltre all’effetto – stavolta positivo – della carta, appare anche il simbolo Città: perciò si aggiunge una nuova carta Città tra quelle al centro del tavolo.

Durante il proprio turno, il giocatore deve compiere due azioni tra le tre disponibili (anche due uguali), in qualsiasi ordine. Se per qualsiasi motivo non può compiere nessuna azione, il giocatore sarà costretto a passare, pescando una carta Contagio dal mazzo. Le azioni sono: Mutare, Pescare, Contaminare.

Mutare la propria malattia

Il giocatore può migliorare la sua malattia, facendo avanzare di un livello una delle sue tre mutazioni:

  • Incubazione: il livello di questa mutazione indica quante carte il giocatore può pescare con l’azione “Pescare”;
  • Contaminazione: il livello di questa mutazione indica quanti cubetti il giocatore può posizionare con l’azione “Contaminare”;
  • Resistenza: il livello di questa mutazione indica di quanto il giocatore può ridurre il malus (solo a se stesso) dato dalle carte Evento.

Per fare ciò, il giocatore deve scartare un numero di carte Contagio dalla mano pari al costo riportato sulla plancetta, tra il livello attuale e quello che si intende raggiungere. Per ciascuna azione di “Mutare” sarà possibile avanzare di una sola mutazione, di un solo livello.

Esempio di Mutare: come prima azione, il giocatore rosso scarta due carte per portare la propria Incubazione al livello 2.

Pescare Carte

Il giocatore può pescare un numero di carte dal mazzo Contagio pari al proprio livello di Incubazione; anche se non gli è consentito avere più di 9 carte in mano: in tal caso, sarà costretto a scartare carte fino a raggiungere tale numero.

Esempio di Pescare: come seconda azione, il giocatore rosso decide di pescare e – visto che il livello dell’Incubazione è 2 – può pescare due carte.

Contaminare una città

Con questa azione, il giocatore può infettare (ovvero mettere i propri cubetti Malattia) su una delle carte Città scoperte sul tavolo. Il giocatore può:

  • Contaminare una Nuova città: se su una carta Città non ci sono cubetti Malattia del proprio colore, il giocatore dovrà scartare due carte dalla mano – il cui colore corrisponde a quello della carta Città – per piazzare un numero di cubetti pari al proprio livello di Contaminazione, sulla riga vuota più alta;
  • Contaminare una città che sta già contaminando: se su una carta Città sono già presenti cubetti Malattia del proprio colore, il giocatore dovrà scartare una carta dello stesso colore della carta Città – per piazzare un numero di cubetti pari al proprio livello di Contaminazione, sulla stessa riga in cui ci sono gli altri.

NB: è possibile giocare due carte qualsiasi in sostituzione di una carta di qualsiasi colore.

Esempio di Contaminare: invece, il giocatore blu decide di “Contaminare”due volte: per prima cosa contamina Mumbai e deve scartare due carte rosa (in quanto è una Nuova Città) per posizionare tre cubetti malattia (ha il livello 3 di Contaminazione); successivamente contamina nuovamente Mumbai, ma stavolta ha bisogno solo di una carta rosa, dato che la carta città aveva già dei suoi cubetti (e ne mette altri tre).

Ogni carta Città ha una serie di numeri: il numero più in alto corrisponde al numero di cubetti massimi (tra tutti i giocatori) che la carta Città può ospitare. Perciò se – per effetti di Eventi o per l’azione “Contaminare” – una carta raggiunge tale valore, tale Città verrà dichiarata “sterminata” e si procederà ad assegnare punti e bonus.

Per il punteggio, il giocatore con il maggior numero di cubetti sulla carta Città riscuote un numero di punti (da segnare sulla tabella segnapunti) pari al valore più in alto; a seguire il secondo giocatore riscuote un numero di punti pari al secondo numero; mentre il terzo riscuote il terzo numero. In caso di parità, vince il giocatore che si è piazzato più in alto sulla carta.

Inoltre, il giocatore che è riuscito a piazzare l’ultimo cubetto Malattia sulla Città – ovvero quello che l’ha resa “sterminata” – ha diritto al bonus riportato sulla carta (ad es, compiere una nuova azione, pescare carte, etc…). In base al testo della carta, tali bonus dovranno essere utilizzati immediatamente, oppure essere utilizzati durante il proprio turno.

Anche il giocatore giallo decide di contaminare Mumbai e piazza un solo cubetto (non potrebbe fare altrimenti), in questo modo rende la città “sterminata”: quindi il giocatore blu guadagna 7 punti (ha più cubetti), mentre il giallo ne guadagna 4; inoltre quest’ultimo può anche godere del bonus della carta – piazzando l’ultimo cubetto – e pesca quindi due carte

Un altro modo per guadagnare punti è tramite il “Computo dei Morti”: quando il secondo, quarto e sesto teschio compaiono sulle carte Evento, i giocatori controllano tutte le città contaminate ed il giocatore con il maggior numero di cubetti su una carta Città guadagna l’ammontare di punti corrispondente al numero più basso che compare sulla carta (questo va valutato per ogni Città presente); in caso di parità vince il giocatore disposto sulla riga più in alto.

Sono apparsi due simboli Teschio sulle carte Evento, perciò si attiva il Computo: in questo caso,il giocatore giallo guadagna 4 punti (per New York, è in prima fila anche se con lo stesso numero di cubetti del blu), il rosso guadagna 2 punti e il blu ne guadagna 3.

Si attiva l’ultimo round di gioco quando viene rivelata l’ultima carta OMS oppure quando – in qualsiasi momento – restano solo due carte città al centro del tavolo. Quando l’ultimo giocatore avrà svolto il proprio turno, si passerà all’assegnazione di ulteriori punti, in particolare:

  • si esegue un “Computo dei morti” sulle città rimaste (vedi sopra);
  • ogni giocatore guadagna tanti punti pari al totale cumulativo di ogni livello di mutazione che ha sulla propria plancetta.

Dopo aver apportato queste ultime modifiche, il giocatore con il maggior punteggio verrà dichiarato vincitore; in caso di parità, vince chi avrà il totale cumulativo più alto tra le proprie Mutazione; mentre condividono la vittoria, se ancora persiste la parità.

La partita è finita e il giocatore rosso conta gli ultimi punti: guadagna 6 punti per l’ultimo Computo, più 5 punti per i livelli di Mutazione che possiede (lv2 Incubazione + lv3 Contaminazione); per un totale di 11 punti.

Che cosa ne penso io?

Pandemia Contagio si dimostra essere un filler gradevole, ma non per questo da sottovalutare: anche se le regole sono poche e si apprendono facilmente, prendere padronanza con il gioco risulta essere un po’ più difficile, richiedendo -secondo me – almeno una partita di prova per inquadrarne tutti gli aspetti.

Esempio di partita

Uno tra i principali motivi di questa “difficoltà di padroneggiare” è la presenza di vari elementi legati strettamente dall’alea e dalla fortuna: le carte città iniziali – ad esempio – possono rendere ogni partita diversa dall’altra; mentre può capitare che la rivelazione di alcune carte Evento possa danneggiare di più alcuni giocatori rispetto ad altri. Per questi motivi saranno penalizzati coloro che preferiscono fare “strategie”, mentre per chi ama le “tattiche” sarà una passeggiata.

In questo caso, la carta OMS ha danneggiato gravemente sia il giocatore giallo che quello blu (che dovranno togliere tuti i propri cubetti), mentre il rosso – non avendo cubetti su nessuna carta Città – può dormire sonni tranquilli…

Sebbene la scatola sia robusta e con un’ottima grafica, purtroppo risulta essere un po’ piccola per contenere tutti i materiali, soprattutto se si decide di mettere delle bustine protettive alle carte: anche se siete bravi nel gioco del “tetris”, il risultato sarà una collocazione del coperchio decisamente sopraelevata rispetto alla norma; rischiando anche di perderne il contenuto se la scatola vien ribaltata.

Come vedete, la scatola proprio non si chiude…

Bene, spero di avervi “contagiato” abbastanza con questo titolo, o almeno di avervi messo un po’ di curiosità nel provarlo… Intanto – come al solito – vi ringrazio per il supporto che date alla pagina e vi do appuntamento fra due settimane, con un nuovo articolo su Houseofgames.it! E come al solito, vi dico “Buona giornata, buon gioco e Semper Filleris!”.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...