Carta & Forbici 15: Colf Express

Cari lettori e lettrici, bentornati su Giochetti e Sfizietti! Oggi tocca a Carta e Forbici, la rubrica che si occupa di giochi da tavolo che non serve comprare, ma che gli autori offrono gratuitamente, con tanto di regolamento e materiali di gioco (basta che poi ce li costruiamo da noi).

Prendiamoci un po’ di distanza dai titoli Roll&Write – giochi molto in voga ultimamente – e dedichiamo questo spazio ad un gioco con titolo davvero inusuale: a detta dell’autore, questo titolo nasce grazie ad un lettura “errata” di un famoso gioco da tavolo, vincitore dello Spiel des Jahres di qualche anni fa…

Senza farvi attendere oltre, vi faccio le presentazioni: signore e signori, ecco a voi Colf Express, il gioco di Simone Guastella per 4-8 giocatori. Questo gioco ha anche un sito apposito – www.colfexpress.flazio.com – dove potete trovare i materiali da stampare ed anche un videotutorial in cui viene spiegato!

1
Colf Express, il P&P di questo articolo

Una volta scaricati i materiali, ecco alcuni consigli su come “montarlo”:

  1. stampare e ritagliare la prima pagina del file – che contiene la plancia, il segnalino Vecchio, il gettone Famiglia e le facce del dado – su cartoncino non molto spesso (almeno 200 gr);
  2. oltre ciò, incollate le sei facce su un dado (16 mm) ed incollate la base della pedina Vecchio, in modo che resti in piedi, oppure ignorate quest’ultimo passaggio ed utilizzare un meeple o un’altra pedina;
  3. stampate invece il resto delle pagine – che contiene le carte Valigia e le carte Richiesta – sempre a colori e con una grammatura superiore (almeno 300 gr);
  4. ritagliate con cura tutte le carte e – se volete – compilate le carte Valigia e Richiesta vuote (anche se vi consiglio di farlo dopo almeno la prima partita, per capire il senso del gioco);
  5. non esiste un file con il regolamento, ma Colf Express è davvero semplice da imparare, quindi non trovo necessario stamparlo (ma se lo volete, potete fare un copia ed incolla dal regolamento che trovate sul sito).
20191120_101601-min
Ecco Colf Express, dopo averlo montato

In Colf Express, ogni giocatore veste i ruoli di una badante proveniente dall’Est Europa, pronta a tutto per essere assunta da una Famiglia, che non può essere una “vera” famiglia se non c’è un Vecchio Rimbambito da far accudire. Ma quest’ultimo non può vivere in eterno: perciò ogni badante dovrà scontrarsi con le sue colleghe-avversarie per poter soddisfare più Richieste possibili – prima che il Vecchio Rimbambito tiri le cuoia! – così da diventare la badante più richiesta!

Iniziare una partita a Colf Express è davvero semplice:

  • Disponete la plancia “Vita” al centro del tavolo e collocate la pedina “Vecchio” sul tracciato, alla casella pillola cerchiata (la n°8);
  • Dividete – in base al retro – le carte in due mazzi, quello delle Carta Valigia (sfondo bianco) e quello delle Carte Annuncio (sfondo giallo) e disponeteli al centro del tavolo, accanto alla plancia Vita;
  • ogni giocatore prende 7 carte Valigia e le guarda in segreto;
  • sorteggiate il primo giocatore – magari quello che ha cambiato più badanti – e date a lui il segnalino Famiglia.
20191120_101821-min
Setup per una partita di quattro giocatori

Una partita a Colf Express si svolge in vari round di gioco – di numero indefinito – dove il primo giocatore prende il ruolo della Famiglia che cerca di assumere la migliore badante a seconda della richiesta. Infatti, il giocatore Famiglia deve pescare la prima carta dal mazzo Annunci e la deve leggere ad alta voce: quella sarà la condizione che dovranno soddisfare le badanti (tutti gli altri giocatori) per essere assunte. Le Carte Annuncio possono contenere richieste piuttosto comuni – come saper cucinare o fare un massaggio cardiaco – ma a volte saranno piuttosto “insolite”, come saper dare lezioni di zumba!

20191120_102006-min
Il giocatore Famiglia pesca una carta Annuncio: “La Candidata deve saper sparare (non si sa mai)”…

Una volta rivelata l’Annuncio, ogni giocatore sceglie una carta Valigia tra quelle che possiede in mano e la mette di fronte a sé : le carte Valigia rappresentano degli oggetti – comuni o insoliti anche questi – che ogni buona badante dovrebbe avere nella propria valigetta da lavoro per affrontare qualsiasi richiesta; perciò la carta che sceglierà (che sarà coperta) dovrebbe aiutare il giocatore nel soddisfare la Carta Annuncio appena rivelata.

Quando tutti avranno scelto la loro carta, ogni giocatore deve consegnare – sempre dalla propria mano – una carta Valigia al giocatore alla sua destra E un’altra carta Valigia al giocatore alla sua sinistra (per un totale di due carte), disponendole accanto alla carta scelta precedentemente da quel giocatore, sempre coperte. In questo modo, ogni badante  avrà due carte in più che – per senso strategico – dovrebbero essere giocate per mettere in difficoltà la badante che le riceverà.

20191120_102132-min
Quindi, ogni giocatore avrà tre carte di fronte, una che ha scelto lui e due scelte dai suoi avversari.

Quando tutti i giocatori avranno tre carte di fronte a se, il giocatore a sinistra della Famiglia gira le tre carte Valigia coperte e le legge ad alta voce. Dopo avergli concesso qualche secondo per riflettere, la badante dovrà inventarsi un modo per soddisfare la richiesta della Carta Annuncio utilizzando le tre carte Valigia di fronte a sè, cercando di essere sia plausibile, ma anche divertente. Una volta terminato di parlare, la partita riprende dal giocatore a sinistra della badante di turno.

Quando tutte le badanti hanno avuto il loro turno, il giocatore Famiglia dovrà scegliere la badante che ha soddisfatto la carta Annuncio nel modo migliore: la badante vincitrice riceverà tale carta Annuncio e la porrà scoperta di fronte a sè, a segnare che ha guadagnato un punto.

20191120_103026-min
“Allora, signora, io so fare dell’ottimo sushi di carote: è una ricetta che mi ha insegnato mia nonna che ha sempre un grembiule unito di grasso di porco – perché cucina sempre – inoltre so anche farle presentare il piatto con dei fiori finti appassiti, come se lei fosse in un vero ristorante giapponese…”

A questo punto, il giocatore badante che ha appena vinto deve tirare il dado, per vedere se il Vecchio Rimbambito muore o se resta in vita: infatti…

  • se il risultato è un valore numerico (con + o -), il giocatore muove la pedina vecchio sul tracciato Vita di tante caselle quanto è il valore sul dado (ad esempio, se esce -2, la pedina Vecchio si muoverà di due caselle verso lo zero);
  • se il risultato è l’Anello, tutti i giocatori devono cercare di afferrare il dado prima degli altri; chi ci riesce può togliere un punto alla badante che ha appena vinto il round E può scegliere se far avanzare (-1) o indietreggiare(+1) il Vecchio sul tracciato Vita di una casella;
  • inoltre, se la pedina Vecchio Rimbambito raggiunge una delle due caselle con la pillola blu ed il numero in rosso (n° 4 e n° 12), il giocatore che ha lanciato il dado può rubare un punto ad un giocatore a sua scelta.
20191120_103059-min
Il vecchio era sulla casella 7: il giocatore tira il dado e muove il Vecchio di tre passi verso lo zero: in questo modo, raggiunge la casella 4, che gli permette di prendere un punto ad un altro giocatore.

Una volta mossa la pedina Vecchio Rimbambito, ogni giocatore ripesca carte Valigia fino a tornare a sette, mentre il segnalino Famiglia passa al giocatore a sinistra del giocatore Famiglia e si riprende con un nuovo round.

La partita continuerà finché la pedina Vecchio Rimbambito non raggiungerà la casella “0”: ciò vorrà dire che il povero vecchio è passato a miglior vita, decretando anche la fine della partita. A questo punto, il giocatore con più carte Annuncio soddisfatte – anche a parità – sarà dichiarato vincitore e la miglior badante dell’Est sulla piazza!

20191120_103248-min
Il Vecchio è appena schiattato: fine della partita e si dichiara vincitore chi ha più carte Annuncio.

Cosa ne penso io?

Colf Express – come è già capitato per altri Print & Play – è stato un incontro davvero casuale: letto in un post su Facebook, il suo nome mi ha incuriosito per la forte somiglianza con un titolo che ho trattato pochissimo tempo fa – su Houseofgames – e che, una volta provato, mi ha fatto ridere e divertire tantissimo. Tra l’altro, ho avuto modo di conoscere l’autore del gioco, che si è rivelata una persona davvero disponibile e simpaticissima: è anche grazie a lui – avendo il suo permesso – che ho potuto pubblicare questo articolo!

2
L’autore di COlf Express, Simone Guastella

Sebbene Colf Express prende molti spunti da Cards Against Humanity, l’autore ha implementato diverse novità, rendendolo davvero unico se non addirittura migliore: ad esempio, ho trovato geniale la possibilità di giocare le carte contro gli avversari, permettendo al giocatore di disfarsi di quelle carte Valigia molto difficili da giocare (lamentela, invece, che ho sentito molto spesso durante le partite a CAH). Motivo di pregio anche l’ambientazione ed il tema, allo stesso tempo divertente ma non comune: non mi pare di ricordare titoli che parlino di badanti e pochi sono i titoli ambientati in Russia (ad esempio, Nyet e Russian Railroads).

Unica pecca del gioco è la plancia Vita e nel dado, che rende la partita – a mio avviso – un po’ troppo corta: facendo un calcolo probabilistico, una partita dura in genere 4-5 round e non è detto che tutti riescano a fare la Famiglia. Ma l’autore sta già lavorando per migliorare il gioco ed ha già trovato rimedio per superare questo aspetto (come far partire il vecchio alla casella n° 12).

20191120_103635-min
Mamma mia, quanto vive questo Vecchio…

Perciò, se siete amanti di titoli come Cards Against Humanity e Cocorido, vi assicuro che adorerete anche Colf Express: proponetelo come gioco di fine serata al vostro gruppo di amici e divertitevi a trovare improbabili modi per dimostrarvi più abili e fantasiosi dei vostri avversari, magari accompagnando il tutto con patatine e vodka!

3
La versione ufficiale di Colf Express

Bene, ormai vi ho raccontato di questo splendido gioco, che vi esorto a provare il prima possibile! Voglio sempre ringraziare voi tutti – cari lettori – per il sostegno che date sia alla pagina Facebook e sia al profilo Instagram. Ma, ahimè, è giunto il momento di salutarci: ci rivediamo la prossima settimana con una nuova uscita!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...